Coppa America: 18 avvisi. Accusa di abuso a turbativa asta per De Magistris, Caldoro, Cesaro e Graziano 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Stefano_Caldoro_in_primoSono 18 gli avvisi di conclusione delle indagini preliminari notificati oggi nell’ambito dell’inchiesta sulla organizzazione dell’edizione 2012 della Coppa America a Napoli. Negli avvisi – firmati dal pm Graziella Arlomede e dai procuratori aggiunti Alfonso D’Avino e Fausto Zuccarelli – si ipotizzano, a vario titolo, reati che vanno dall’associazione per delinquere alla turbativa d’asta, all’abuso di ufficio, al falso.
Abuso di ufficio è l’ipotesi di reato formulata nei confronti del sindaco sospeso di Napoli, Luigi de Magistris, del presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, dell’ex presidente della Provincia di Napoli, Luigi Cesaro, e dell’ex presidente dell’Unione industriali di Napoli Paolo Graziano. Per l’edizione 2013 della Coppa America le indagini sono tuttora in corso.
Le presunte irregolarità sulle quali indaga la Procura della Repubblica di Napoli si riferiscono alla scelta dell’Unione industriali di Napoli come socio privato della ACN, la società di scopo alla quale furono affidate la programmazione, la realizzazione e la gestione della regata America’s Cup World Series. Ciò, secondo gli inquirenti, avvenne in violazione della legge del 2006 che stabilisce che per le società miste la scelta del socio privato deve essere fatta con ”procedura ad evidenza pubblica”.
La Uniservizi srl, società unipersonale dell’Unione industriali di Napoli, presieduta da Graziano, a fronte di un investimento di mille euro, avrebbe ottenuto ”la facoltà di gestire in prima persona gli aspetti commerciali dell’evento valutabili nell’ordine di una decina di milioni di euro”. Graziano e alcuni suoi consulenti sono indagati anche per associazione per delinquere finalizzata a “commettere più delitti di falso e turbativa d’asta funzionali al controllo dell’evento Coppa America”. Tra gli indagati figura anche l’avvocato Vincenzo Maria Siniscalchi, ex parlamentare ed ex consigliere del Csm; nei confronti del penalista viene ipotizzato il reato di falso in concorso con altri componenti della commissione di gara indetta dall’ACN per la raccolta di sponsorizzazioni. Non ha ricevuto invece alcun avviso Claudio De Magistris, fratello del sindaco sospeso, contrariamente a quanto si era appreso ieri, come ha precisato oggi il suo legale, avvocato Bruno Botti.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.