Salerno, carceri: si conclude il IV° Congresso Nazionale della UILPA Penitenziari

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
convegno_UILPA_carceriSono terminati nella tarda serata di ieri i lavori del IV° Congresso Nazionale della UILPA Penitenziari, tenutosi a Salerno. I 280 delegati hanno riconfermato, per acclamazione, alla guida del sindacato dei baschi blu Eugenio SARNO, giunto al suo terzo mandato consecutivo. Riconfermati nelle cariche anche   Angelo URSO (Tesoriere), Giuseppe SCONZA (Presidente) e Gennarino DE FAZIO e Armando ALGOZZINO (Segretari Nazionali). “E stato un Congresso che ha visto una notevole partecipazione  e una approfondita discussione interna, di cui il documento finale è la sintesi perfetta- dichiara Eugenio SARNO – Sono davvero felice per la partecipazione ai lavori congressuali del Segretario Generale della UILPA, Attili, del Segretario Generale aggiunto della UIL, Barbagallo, nonchè del Vice Capo Vicario del DAP, Pagano, che hanno offerto considerazioni ed analisi davvero interessanti. Ma anche l’apprezzato messaggio del Ministro Orlando, impedito a partecipare, è stato elemento di analisi e discussione.

Ora – continua  il rieletto Segretario Generale della UILPA Penitenziari – dobbiamo concentraci sull’immediato futuro. A cominciare dall’incontro con il premier Renzi ( previsto per martedì  7 ottobre a Palazzo Chigi) che, auspico, possa essere risolutore per la definizione della vertenza per lo sblocco del tetto salariale degli operatori del Comparto Sicurezza, Difesa e Soccorso Pubblico. Ovviamente focalizzeremo il nostro impegno soprattutto rispetto alle criticità che oberano la polizia penitenziaria. A partire dal preoccupante fenomeno delle aggressioni in danno dei poliziotti penitenziari da parte di detenuti. Dal 1 gennaio ad oggi, in Italia,  si sono registrati ben 305 episodi con un totale di 128 agenti penitenziari che hanno riportato prognosi superiori ai 5 giorni. Per arginare questo fenomeno abbiamo chiesto al DAP di prevedere circuiti penitenziari con un regime detentivo più “stringente” in cui allocare i detenuti  violenti e che si rendono protagonisti delle aggressioni in danno al personale.

Così come va portato a termine il percorso di deresponsabilizzazione della polizia penitenziaria impiegata nella vigilanza nelle sezioni e la revisione delle norme disciplinari. Rispetto alle polemiche – afferma SARNO – sul cosiddetto “protocollo farfalla”  non posso non ricordare che Falcone e Borsellino (ricordati dal Congresso con una standing ovation ed un applauso di circa tre minuti) usavano dire che dal carcere è possibile attingere informazioni utili e determinanti. Per questo dissento dalle affermazioni del Procuratore Gratteri che ipotizza una fuoriuscita della polizia penitenziaria dalla DIA. Noi riteniamo che la ricerca delle informazioni debba avvenire in un quadro di legittimità e trasparenza e la polizia penitenziaria dispone, voglio ricordarlo, di reparti all’avanguardia : il NIC (Nucleo Investigativo Centrale) e il GOM (Gruppo Operativo Mobile) che possono essere il braccio operativo ( e legale) per la raccolta di quelle informazioni, negli istituti penitenziari,  utili al contrasto del crimine organizzato.

Ovviamente – chiude Eugenio SARNO – molta attenzione è stata riservata alla proposta di riorganizzazione del DAP. Le ipotesi di cancellare alcuni PRAP e la drastica riduzione delle risorse e degli stanziamenti stridono fortemente con i proclami della politica e del Governo di voler risolvere le criticità del sistema penitenziario. Occorre ricordare che l’Europa ci guarda e ci chiede di risolvere l’indegnità del lavoro penitenziario e l’inciviltà della detenzione. Mancati questi obiettivi il Paese subirebbe un costo economico insostenibile, derivanti dalle sanzioni che ci comminerebbero, tali da rendere  inutili i già ingiustificati tagli lineari ai fondi destinati all’Amministrazione Penitenziaria”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.