Spazio: missione Futura,angolo bar con caffè su Iss. A bordo 10 esperimenti;Crisoforetti’cavia e tecnico laboratorio’ 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
samanthaUn ‘angolo bar’ tra le stelle nel quale bere un buon caffè espresso: arriverà a bordo della Stazione Spaziale nell’aprile 2015 ed è tra i dieci esperimenti italiani della missione Futura, dell’astronauta italiana Samantha Cristoforetti. ”Avrò l’orgoglio di essere cavia e tecnico di laboratorio”, ha detto l’astronauta presentando gli esperimenti all’Agenzia Spaziale Italiana (Asi). La macchina espresso arriverà a missione inoltrata, ma l’astronauta dell’Agenzia Spaziale Europea (Esa) dovrebbe fare in tempo a utilizzarla. E’ nata in Italia, dalla collaborazione fra Argotec, Lavazza e Finmeccanica-Selex Es. L’acqua viene ‘agganciata’ alla macchina con una busta ed una busta più piccola sostituisce la tazzina, spiega il responsabile del progetto, David Avino.
Le cialde sono identiche a quelle ‘terrestri’ e la macchina sarà installata vicino alla ‘cucina’ della Stazione Spaziale. Oltre a rilassare l’equipaggio, permetterà di studiare il comportamento dei fluidi nello spazio. Degli esperimenti della missione Futura fa anche parte una stampante in 3D tutta italiana, costruita da Altran e dalla Thales Alenia Space: accanto alla stampante americana arrivata da poco sulla Iss dovrà dimostrare la possibilità di costruire nello spazio pezzi di ricambio.
La maglietta hi-tech del progetto Wearable monitoring (Fondazione Don Gnocchi) controllerà invece il cuore durante il sonno. In programma anche l’esperimento ‘Drain Brain’, coordinato da Paolo Zamboni, del Centro malattie vascolari dell’università di Ferrara, che punta a studiare la circolazione del sangue nel cervello in assenza di gravità. Altri test studiano tecniche di decontaminazione dai batteri (Vable, università della Tuscia), il modo i cui le cellule si sviluppano in assenza di peso (Cytospace, Sapienza università di Roma e Kayser Italia); la perdita di massa muscolare (Bone-Muscke Check, università di Salerno). Nanoparticelle saranno testate contro l’ostoporosi nel test Nato (università di Pavia), e l’adattamento del cervello allo spazio è studiato da Slink (Politecnico di Milano).
Fonte ANSA
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.