Coppietta assalita da balordi, 30enne in fin di vita. Sotto choc la fidanzata

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
12
Stampa
coppietta_carabinieriCoppia di fidanzati massacrata di botte nella notte tra sabato e domenica in litoranea nei pressi di Lido Lago a Battipaglia. Lui 30 anni e lei di 26 anni, entrambi battipagliesi erano appartati in una lancia Musa quandosi sono avvicinati i banditi che probabilmente volevano rubare l’auto. Qualcosa è andato storto, forse il cambio automatico inserito,  ed i malviventi hanno cominciato a picchiare il 30enne con calci e pugni e forse anche con un corpo contundente. Il giovane è ora ricoverato al Ruggi per trauma cranico ed emorragia interna. Sotto choc la fidnzata. Sono in corso indagini per risalire agli aggressori.

AGGIORNAMENTO.  Permangono gravi le condizioni del 30enne di Battipaglia aggredito nella notte di Domenica da due sconosciuti che tentavano di sottrargli l’autovettura. I medici del reparto di rianimazione dell’ospedale di Salerno non hanno sciolto la prognosi e mantengo il ragazzo sedato. Intanto sul fronte delle indagini condotte dai Carabinieri della Compagnia di Battipaglia e del Reparto Operativo del Comando Provinciale di Salerno, poche le novità. Anche questa notte sono state operate alcune perquisizioni che però non hanno consentito di acquisire elementi utili alle indagini.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

12 COMMENTI

  1. AMMAZZARLI E POCO QUESTE PERSONE NON DEVONO ENTRARE PIU’ IN ITALIA LA LEGGE NON LI PUNISCE COME DOVREBBE.PERCHE’ SONO EXSTRACOMUNITARI HANNO PRIORITA’ SE ERA UN ITALIANO SUBITO PREDEVANO PROVVEDIMENTI……IO MI FAREI GIUSTIZIA DA SOLO SE LI PRENDETE FATELI LINCIARE DALLA POPOLAZIONE….

    STAMM INGUAIT……LA LEGGE ITALIANA E ZERO

  2. Settimane, mesi di indagini..e se li prendono poi li lasciano andare…nell’ultimo mese ne ho sentite 4 5 di queste notizie, sempre a pontecagnano. Saranno gli stessi?

  3. Quando si deciderà di fare uno spazio chiuso e con servizi per le coppiette? E’ un atto di civiltà e di sicurezza.

  4. Questi ciarlatani……………Ne avessero risolto uno di problema.Tasse a morirne,Sanità alla merce di predoni,senza aggiungere il resto e noi sempre zitti,ma un po di sicurezza quando mai ce la daranno.Noi sempre pecoroni chiusi nelle nostre case sempre più blindate,incapaci di esprimere le nostre insoddisfazioni,non ci accorgiamo che il fenomeno è in grossa espansione e noi come al solito pensiamo che succede sempre agli altri,ma quando ci toccherà a chi la andremo a raccontare,sempre che ce ne diano la possibilità.

  5. E’ arrivato il momento di rispedire queste persone a casa loro o con i loro piedi o in un sacco di plastica. La misura è colma

  6. QUESTA E LA POLITICA FALLITA DELLA SINISTRA E DELLE LEGGI ITALIANE CHE GRAZIE AI MAGISTRATI DI SINISTRA CI TROVIAMO SOLO EXTRACOMUNITARI DELINQUENTI E MARCIUME LA LITORANEA E PIENA DI DELINQUENTI BASTA PENA CAPITALE PER CHI DELINQUE

  7. Vedo commenti che accusano gli stranieri nonostante nell’articolo non vi sia nessun riferimento a responsabilità di stranieri. Cercate di ragionare e di basarvi sui fatti, fermo restando che un problema stranieri esiste da quando gli incapaci del Pd sono al governo.

  8. In Italia bisogna introdurre la pena di morte! Però questi che si vanno ad appartare in quei luoghi! Una persona normale non ci andrebb mai!

  9. da sempre che lì al Lido Lago (ma neanche nelle traverse che scendono al mare dove sta la pineta!) non si può lasciare la macchina quando c’è poca gente che te la scassano per rubare tutto ma questa volta mamma mia nn ho parole, speriamo che si rimetta il ragazzo…. lo sanno tutti lì che si tratta di albanesi, ukraini ecc …un paio d’anni fa ad un mio amico c’hanno rubato quasi 5 mila euro tra macchina fotografica, obiettivi, smartphone ecc e ad oggi non è cambiato niente perciò da quelle parti io e i miei amici nn ci andiamo più a mare ….che vergogna!

  10. Mare, spiaggia,lidi, e terra italiana? Per che allora noi italiani dobbiamo avere paura di fare una camminata romantica su la spiaggia, ho andare a vedere le stelle, dobbiamo avere paura per nostri figli che vanno a fare bagno a mare..? Come mai che la zona di mare piena di zingari stranieri e le puttane, e diventata zona di loro? Ma dove guardate popolo italiano, a voi uccidono, e voi state zitti mentre quelli bastardi accettano e aiutano a tutti gran destini, e ne fra tempo riempiono le tasche di soldi… Che schifo…

  11. ANTò, A PARTE CHE DESTRA E SINISTRA ORMAI ESISTONO SOLO NELLA TUA TESTA, POI SONO TUTTI MAGNONI E BASTA, I GIUDICI DI SINISTRA NON FANNO LE LEGGI, LE APPLICANO! e chi scrive le leggi? guarda un pò, la DC, quella che votavi tu, e poi Silvietto tuo e la sua cricca di delinquenti, che sicuramente hai votato. quindi statt zitt e beccati i delinquesti stranieri, che tu sei uno dei pochi che se li merita davvero.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.