Libri: Salerno Eventi presenta “Corte Nera”, quattro romanzi brevi di Tina Cacciaglia, Piera Carlomagno, Paolo D’Amato e Rocco Papa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Corte_NeraDopo il ciclo di presentazioni estive e la partecipazione al festival internazionale “Sugarpulp” di Padova, sarà presentato a Salerno il noir “Corte Nera” (Runa Editrice), quattro romanzi brevi di Tina CacciagliaPiera CarlomagnoPaolo D’Amato eRocco Papa con la prefazione di Diana Lama e la postfazione di Giuseppe Lauriello. La serata, organizzata dall’associazione Salerno Eventi, si terrà venerdì 10 ottobre, alle ore 20.30 presso la sede di via Trotula De Ruggiero, 24. Presenteranno la serata, leggendo anche alcuni brani del libro, le attrici Anna Maria Amorelli e Lucia D’AiutoloLargo San Pietro a Corte, nel cuore del centro storico di Salerno, è un luogo misterioso e affascinante sotto le cui stratificazioni c’è tutta la vita della città. Gli autori della raccolta di racconti “Corte nera” hanno ambientato qui le loro storie, all’ombra dell’unico ambiente superstite del mirabile palazzo fatto edificare dal principe Arechi II, all’indomani della caduta del regno longobardo d’Italia nelle mani dei franchi di Carlo Magno.

Quattro noir che attraversano i secoli. Con Tina Cacciaglia siamo nell’anno 785, quello degli intrighi e passioni alla corte del principe e “Gemma” è una medica accusata dell’assassinio del suo amante. 1860, “Trista Provincia ribelle” è il titolo del racconto con cui Paolo D’Amato fa rivivere i giorni dell’unificazione d’Italia e dell’arrivo di Garibaldi in città proprio mentre si cerca di tenere nell’ombra il brutale omicidio di una giovane cameriera. Rocco Papa, con “Secondo natura”, ricorda l’operazione Avalanche del 1943, lo sbarco degli alleati e la fuga dei nazisti in una città deserta e semidistrutta, dove si dipanano passioni e delitti, con la certezza dell’impunità. Infine è il 1990, dieci anni dopo il terribile terremoto e lo storico palazzo Fruscione, parte dell’antica corte, ora di proprietà del Comune, è ancora abitato da famiglie. Il delitto raccontato daPiera Carlomagno, si consuma in una notte di “Plenilunio d’estate”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.