Vertenza casa di cura La Quiete: tentativo di conciliazione fallito, lavoratori incatenati davanti all’ASL

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
La_Quiete_SalernoLa rabbia dei lavoratori de La Quiete esplode dopo i fallito tentativo di conciliazione per la vertenza cheinclude anche il Cedisa: stamani la protesta è andata in scena davanti alla sede dell’Asl di Salerno. I dipendenti della casa di cura, esasperati si sonoincatenati per dare un segnale forte e puntare i riflettori sulla loro difficile situazione. Nelle ultime ore infatti è fallito il tentativo di conciliazione. Al tavolo delle trattative erano assenti i rappresentanti dell’Asl e della direzione provinciale dell’Agenzia delle entrate. La proprietà invece, come riferiscono i sindacati Cisl e Cgil, si è presentata chiedendo un rinvio dieci minuti prima della riunione, consegnando a mano la richiesta ed incurante del fatto che oltre venti operatori erano in attesa sperando che si potesse concludere l’odissea dei circa 100 dipendenti, tra Quiete e CEDISA, che non percepiscono lo stipendio da quasi 6 mesi (il sesto maturerà in questi giorni).

C’è delusione e rabbia da parte dei lavoratori che hanno così deciso di dare vita alla protesta di oggi.  «Abbiamo esperito ogni utile tentativo – affermano i Segretari Generali Angelo De Angelis CGIL FP e Pietro Antonacchio CISL FP – ma purtroppo nemmeno la coscienza e il buon senso hanno prevalso nei confronti dei lavoratori che avrebbero necessitato di tutt’altra attenzione». «Rispetto ed obbligo morale –continuano i Segretari – verso i lavoratori e le loro famiglie imponevano un confronto sociale allargato a quanti avrebbero dovuto mostrare massima attenzione e cercare di trovare soluzioni praticabili a tutela sia dei lavoratori che dei pazienti». I sindacati sottolineano anche la fuga di responsabilità da parte di chi ha l’onere di salvaguardare il sistema a difesa del diritto fondamentale del lavoro e alla salute delle comunità di riferimento. Viene inoltre evidenziato da Cgil Fp e Cisl Fp che nessuna responsabilità è ascrivibile al manager Squillante, che attualmente eroga le risorse spettanti a scadenza naturale, anche se dai sindacati ci si aspettava la presenza di un delegato alla riunione indetta dalla Prefettura con il patron di Cedisa e Quiete. Infine, viene considerata grave anche la mancata partecipazione dell’Agenzia delle Entrate, perché evidenzia l’assenza dello Stato di fronte alla sopravvivenza di 100 famiglie sul lastrico che aggraveranno ulteriormente il bilancio negativo dei disoccupati nella provincia di Salerno ed il fallimento di strutture produttive gestite maldestramente con fondi pubblici.

Fonte LIRATV

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. ma quando i dipendenti e i consulenti del CEDISA bloccheranno tutte le attività assistenziali ed ambulatoriali e pretenderanno di rivalersi sul patrimonio di Calabrese?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.