Ambiente: la Costa d’Amalfi verso il Distretto rurale ed agroalimentare della provincia di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
distretto_rurale_ravelloSi è svolta venerdì sera, a Ravello, la riunione preparatoria per l’adesione al comitato promotore per l’istituzione del Distretto Rurale, Agroalimentare di Qualità e di Filiera per le aree interne e protette della provincia di Salerno. All’incontro, aperto dal sindaco di Ravello, Paolo Vuilleumier e dall’assessore all’Ambiente, Pasquale Palumbo, e coordinato da Anna Pina Arcaro, responsabile del progetto, hanno preso parte rappresentanti dei Comuni di Maiori, Minori, Tramonti, dell’Ente Parco Monti Lattari, dell’ente per lo sviluppo sostenibile I Piccoli Campi, del Cra Ort di Pontecagnano e di AcarBio. I distretti, previsti dalla Legge Regionale numero 20 dell’8 agosto 2014, sono finalizzati a promuovere lo sviluppo rurale, a valorizzare le risorse naturali, sociali ed economiche dei territori per facilitare l’integrazione tra i diversi settori economici e tra le stesse filiere e a garantire la sostenibilità ambientale, economica e sociale.
“Dopo i Comuni, coinvolgeremo per il 24 ottobre prossimo, presso l’Auditorium, anche aziende della filiera rurale, associazioni, enti pubblici e privati, e tutti quei soggetti che possono concorrere a pianificare il futuro del territorio – ha spiegato Vuilleumier – Alla base di questo progetto c’è la voglia di fare rete. Inoltre, aiutando le produzioni agricole rispettose delle peculiarità ambientali e paesaggistiche dei territori, preserviamo quella identità dei luoghi che ci ha permesso di conquistare il riconoscimento dell’Unesco. La gestione dell’ambiente e del territorio è un tutt’uno con la problematica agricola e di mobilità e, quindi, va affrontata e studiata per proporre un Piano di distretto agricolo idoneo a fronteggiare le tematiche, che attanagliano effettivamente la nostra agricoltura, dalle acque di irrigazione, alle macerine ed alla difficile mobilità dei versanti acclivi. Pertanto il Comune di Ravello intende portare avanti un progetto pilota sperimentale in tal senso, possibilmente in sinergia anche con le altre amministrazioni limitrofe”.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.