Da Alcatel a BTP Tecno passando per il MISE: difenderemo il sapere italiano?

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Alcatel_LucentNei giorni scorsi ho incontrato alcuni lavoratori della BTP Tecno (ex Alcatel Lucent spa) di Battipaglia. Si parla tanto di asset strategici, lavoro, tecnologia e ricerca ma quando poi ci si trova a ripercorre la storia recente di quelle aziende che dovrebbero garantire il progresso con il loro know how sul nostro territorio diventa palese l’inadeguatezza del tessuto imprenditoriale e l’incapacità delle istituzioni.

Il passaggio di testimone di una multinazionale come l’Alcatel all’azienda BTP Tecno ne è l’esempio plastico.

Nel 2010 il ministero dello sviluppo economico si era fatto garante, durante la vendita dell’azienda, di un accordo che prevedeva un piano quinquennale in cui i lavoratori sarebbero stati garantiti dalle commesse che Alcatel avrebbe concesso alla BTP Tecno.

Oggi scopriamo che quell’accordo è carta straccia a causa del venir meno degli impegni assunti da entrambe le parti, qualcuno l’ha sventolato contro i lavoratori definendolo “solo politica”.

La cosa che fa più male, a chi non ha visto garantiti i propri diritti, è la totale incapacità palesata delle istituzioni nel far rispettare un accordo firmato nero su bianco dal Ministro dello Sviluppo Economico in carica Paolo Romani, un tradimento ai danni di una forza lavoro fortemente qualificata che ha di fatto avallato nuovi accordi e movimenti economici poco trasparenti.

Ho visto negli occhi dei lavoratori che mi hanno denunciato questo calvario non la voglia di essere assistiti dalle istituzioni ma la passione di chi crede nella propria professionalità e si dispera al solo pensiero di perdere un bagaglio di esperienze così importante.

Nei giorni scorsi le rappresentanze degli impiegati si sono seduti nuovamente al tavolo della politica per capire se esiste la lontana possibilità di un futuro in Italia o se, ancora una volta, gli impegni delle istituzioni sono subordinati all’arbitrio di chi opera sul mercato senza rispettare gli impegni.

Il 31 ci sarà un nuovo incontro con i sindacati dove sarà presentato un nuovo imprenditore, il movimento 5 stelle vigilerà su questo particolare caso affinchè il MISE si faccia garante della serietà di un gruppo economico e della capacità operativa necessaria a non perdere il Know how di professionisti della tecnologia con tanti anni di esperienza alle spalle.
Ringrazio il gruppo di attivisti del meetup di Battipaglia che hanno seguito con passione questa vicenda fornendomi giorno dopo giorno gli elementi necessari a valutare nel merito questa complicata vicenda.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.