Prestazioni gratuite a rischio nei Patronati della Inas Cisl della provincia di Salerno

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
cislInvece di aumentare le tutele in favore dei cittadini e delle categorie più deboli il governo Renzi con la Legge di Stabilità taglia quasi totalmente le prestazioni gratuite fornite a milioni di persone dai Patronati. “Con una bugia mediatica di riduzione delle tasse, il Governo mette le mani sui soldi dei lavoratori  e delle imprese che contribuiscono alla gratuità delle prestazioni con un prelievo sui contributi previdenziali che versano per assicurare tutele fondamentali – previste dalla Costituzione – anche a chi non può permettersele”, ha spiegato il segretario generale della Cisl salernitana Matteo Buono.

“L’attività svolta dai patronati, aumentata nel 2013 di oltre il 35% rispetto all’anno precedente, ha riguardato oltre 14 milioni di persone assistite, la maggior parte persone che non possono permettersi di pagare un commercialista o un consulente del lavoro o tanti faccendieri che affollano le strade, garantendo alla pubblica amministrazione un risparmio annuo di circa 600 milioni di euro. Il taglio di 150 milioni ai patronati invece che dare risparmi aumenta disagi e spese per lo Stato, con ricadute devastanti e drammatiche per i cittadini”.

Paradossale dunque, secondo la Cisl Salerno, è che nel mentre il governo Renzi afferma che le misure previste nella legge di stabilità sono rivolte a favorire l’occupazione dall’altra parte agisce concretamente per portare al collasso i Patronati, con il rischio licenziamento per oltre 9000 operatori in tutta Italia.

“L’appello è che ci sia una riconsiderazione su questo aspetto della legge e che in Parlamento prevalga il buon senso e non una logica punitiva nei confronti del sindacato che si traduce in una sensibile riduzione delle tutele. Da salernitani l’appello all’onorevole Bonavitacola, quale componente della Commissione Bilancio della Camera, ed a tutta la deputazione salernitana affinché prendano in considerazione le giuste ragioni dei Patronati e dei cittadini – ha concluso Buono. “In ogni caso, insieme all’Inas, la Cisl ha messo in campo una raccolta di firme in tutte le sedi ed ha iniziato una campagna informativa con gli assistiti, avendo previsto per la fine del mese di novembre la chiusura delle sedi del patronato per più giorni e indirizzando gli utenti presso la Prefettura per richiedere i servizi normalmente offerti dal patronato”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.