Senato, diffamazione a mezzo stampa. Multe fino a 50mila euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
giornali_webIl ddl sulla diffamazione che coinvolge l’attività giornalistica è al momento in discussione al Senato. Attualmente l’aula ha sospeso i lavori per mancanza del numero legale. Ma quali sono i contenuti di questo importante provvedimento?

 

I principali sono lo stop al carcere per i giornalisti, l’introduzione del diritto dall’oblio oltre a quello di rettifica ed estensione delle sanzioni pecuniarie anche per le testate online (multe fino a 50mila euro).
Questi ed altri punti del ddl sulla diffamazione a mezzo stampa dovrebbero essere votati oggi dall’assemblea del Senato dopo aver approvato, tutti e 5 gli articoli del provvedimento (poi il ddl tornerà alla Camera). Sul testo, già modificato in commissione Giustizia, l’Aula ha dato l’ok anche ad alcuni emendamenti, tra i quali uno presentato dal M5S, con il parere favorevole del Governo, inerente proprio all’estensione delle multe anche per le testate online.
Ecco comunque i principali contenuti del provvedimento.
Stop carcere per i giornalisti – E’ forse la novità principale del provvedimento che, sostituisce, per chi diffama a mezzo stampa, la pena detentiva con una sanzione pecuniaria fino a 10mila euro. Se l’offesa consiste nell’attribuzione di un fatto determinato falso, la cui diffusione sia avvenuta con la consapevolezza della sua falsità, la multa va dai 10 ai 50mila euro. La rettifica, se conforme a quanto prevede il testo, sarà valutata dal giudice come causa di non punibilità sia per il direttore responsabile sia per l’autore dell’offesa. L’interdizione da uno a sei mesi dalla professione, con un emendamento approvato oggi in Aula, è prevista solo nei casi di recidiva reiterata.
Rettifica – Il direttore o, comunque, il responsabile deve pubblicarla gratuitamente, entro due giorni dalla ricezione della richiesta, senza risposta, senza commento e senza titolo e menzionando titolo, data e autore dell’articolo da rettificare.nL’obbligo di rettifica vale per quotidiani, periodici, agenzie di stampa, nonché nelle testate giornalistiche online, che invieranno la rettifica agli utenti che hanno avuto accesso alla notizia cui si riferiscono. La rettifica non va pubblicata se hanno contenuto suscettibile di incriminazione penale o se sono documentalmente false.
Diritto all’oblio – Fermo restando la rettifica l’interessato può chiedere ai siti internet e ai motori di ricerca l’eliminazione dei contenuti diffamatori o dei dati personali trattati in violazione della legge. In caso di rifiuto lo stesso può chiedere al giudice di ordinare la rimozione.
Querele temerarie – Tra gli emendamenti approvati oggi anche quello che scoraggia le querele temerarie. La modifica, a firma di Felice Casson e sul quale la relatrice Rosanna Filippin (Pd) ha chiesto e ottenuto una riformulazione prevede che, su richiesta del convenuto, il giudice, con la sentenza di rigetto, possa condannare al pagamento di una somma (non specificata) in via equitativa chi ha agito in sede di giudizio in malafede o con colpa grave. Ugualmente, il giudice può condannare ad un risarcimento ‘equitativo’ il querelante, se risulta la temerarietà della querela.
Responsabilità del direttore – Fuori dei casi di concorso con l’autore del servizio, il direttore o il suo vice non rispondono più “a titolo di colpa” a meno che il delitto non sia conseguente alla violazione dei doveri di vigilanza della pubblicazione. La pena è in ogni caso ridotta di un terzo mentre è esclusa la pena accessoria dell’interdizione dalla professione.
Fonte Tiscali.it
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. La mancanza di impiego che esiste nei luoghi dove vivi andrebbe vista in un piu’ grande contesto e non semplicemente entro l’ambito della politica locale.
    Stiamo ora oltrepassando una delle fasi di un Complotto mondiale ben definito di cui anche tu gia’ fai parte ovunque tu sia. Non ti lasciare incantare dai media. Il Complotto mondiale non e’ una teoria.
    Nota ad esempio come gli annunci di lavoro saranno formulati sempre piu’ con il verbo “servire” al posto di “lavorare”. Non sara’ una coincidenza. Inizialmente la propaganda la fara’ apparire come una virtu’ ma presto servire sara’ una cosa scontata ed un requisito per continuare a vivere.
    Una vecchia piaga sta’ per riemergere in maniera massiccia ed ovunque nel Mondo. I Sionisti sono nostalgici di quella schiavitu’ che diede loro i natali nell’antico Egitto. Per far avverare il loro sogno basterebbero i 2.3 trillioni di dollari denunciati smarriti dall’amministrazione Bush il giorno prima dell’Undici Settembre e rubati dal controllore del Pentagono Dov Zakheim per conto della famiglia Bush.
    Questo per dire dimentica i sindacati ed i diritti Umani. Sono cose dell’altro millennio.

    http://www.wavevolution.org/it/humanwaves.html

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.