Padula: i Distretti rurali con aziende multifunzionali contro il rischio desertificazione aree interne salernitane

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
convegnoCosa fare contro il rischio desertificazione umana ed economica del sud? Il Rapporto Svimez 2014 al centro del “dibattito” che si è svolto il 30 ottobre in una sala gremita presso la sede del Consorzio di Bonifica Vallo di Diano-Tanagro dove si è discusso della creazione dei “Distretti Rurali, Agroalimentari di Qualità e di Filiera delle aree interne e protette della Provincia di Salerno”, incontro moderato dalla giornalista Tania Tamburro. “Come emerge anche dal Rapporto Svimez – evidenzia Anna Pina Arcaro, responsabile del Comitato promotore che in questi mesi sta presentando il “progetto Distretti rurali” in tutte le aree del salernitano – il sud è a rischio desertificazione provocata dalla crisi determinate dal fallimento delle politiche economiche dell’ultimo decennio. E di fronte all’emergenza sociale con il crollo occupazionale e a quella produttiva, serve una strategia di sviluppo delle aree interne, come riportato nel dossier di sintesi della creazione dei Distretti”. E forte è stata la presenza delle aziende del Vallo di Diano. Sintomo di una voglia di riscatto e di voler credere in un nuovo percorso di rilancio territoriale, questa volta però facendo rete e aggregazione.

Crediamo fortemente nello strumento dei Distretti – ad affermarlo è Giuseppe Morello, presidente del Consorzio Bonifica Vallo di Diano – dobbiamo però avere produzioni di qualità, compiendo un processo di sensibilizzazione presso i produttori recuperando le produzioni cerealicole. Questo potrà essere uno strumento che superi le lacune di tutti questi anni”.

A fargli da eco è Raffaele Accetta, presidente della Comunità Montana Vallo di Diano: “E’ nell’agricoltura legata al turismo e alle bellezze paesaggistiche il nostro futuro, abbiamo detto no alle trivellazioni perché riteniamo che lo sviluppo sia proprio nelle nostre tipicità agricole e ora non possiamo e non dobbiamo cambiare strategia, anzi dobbiamo rafforzarle con nuovi strumenti come questo dei Distretti”.

A dare un po’ di dati sulla crisi nel mondo agricolo del Vallo di Diano è un esperto come Beniamino Curcio, responsabile ufficio agrario della Comunità Montana: “In dieci anni, dal 2000, siamo passati da 8655 aziende a poco più di 4005, cioè il 54% in meno – sottolinea Curcio – E quelle ad essere scomparse di più sono tutte quelle piccole attività che comunque davano vitalità al territorio. La zootecnia ha subito un vero e proprio tracollo dovuto alle quote latte. Non c’è stata una riconversione delle vecchie stalle, mentre il futuro dell’agricoltura sarà puntare verso un’azienda agricola multifunzionale, e cioè dalla produzione dei prodotti tipici, all’energia rinnovabile, al presidio del territorio”.

Ed è Laura Di Bisceglie, commercialista e rappresentante del “Comitato per il Distretto Vallo di Diano” a spiegare fiscalmente come un Distretto possa agevolare molto le aziende partendo dall’elemento di aggregazione cambiando mentalità di fare impresa.

Ma senza le produzioni non ci sono le aziende, quindi il valore fondante è rappresentato proprio dalla qualità dei prodotti. Ed è il Centro di Ricerca per l’Orticoltura di Pontecagnano, con Giuseppe Rofrano a evidenziare come “il peperone del vallo di Diano” abbia tutte le potenzialità per avvalersi di un riconoscimento puntando sulla valorizzazione e sul recupero della varietà.

E poi l’argomento “biodiversità”, che come spiega Rosa Pepe che con il Cra è l’anima del Comitato Promotore dei Distretti, “è la vera ricchezza dei territori e che va salvaguardata come fanno alcuni contadini custodi che non si arrendono alle avversità e alla globalizzazione”. E pensare che un tempo il Vallo di Diano era la “riserva cerealicola dell’Italia” con campi sterminati coltivati a grano, come evidenziano i ricercatori Pasquale De Vita del centro di ricerca per la cerealicoltura di Foggia e Fabrizio Quaranta dell’Unità di ricerca per la valorizzazione qualitativa dei cereali di Roma. L’obiettivo sarà quindi quello di riportare in coltivazione le vecchie varietà come ad esempio il “Senatore Cappelli” e dare nuovi spunti per un’agricoltura sostenibile e redditizia.

Presenti all’incontro anche Rossella Guadagno del Consorzio Cursa di Roma che ha evidenziato come i Distretti “nascono come modello economico per diventare un elemento di governance”Maurizio Tancredi sindaco di Caselle in Pittari,Vincenzo Casella, consigliere provinciale Coldiretti, Paolo Imperato sindaco di Padula e consigliere provincia di Salerno (che ha portato l’adesione al comitato anche dell’ente Provincia), Attilio Romano sindaco di Casalbuono e presidente Gal Vallo di Diano, Gennaro Mucciolo consigliere regionale e primo firmatario della legge regionale sui Distretti rurali.

A concludere l’incontro gli esempi concreti di due realtà imprenditoriali locali che hanno avuto successo: l’azienda di Carmine Lisa con la “soppressata” del Vallo di Diano, e Antonio Capozzoli con l’azienda di panificazione “Golden bread”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.