Isis: Unesco indaga su traffico reperti archeologici per autofinanziarsi”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
isisIl consigliere speciale del direttore Unesco Mounir Bouchenaki, e Irina Bokova, direttore generale dell’Arab Center for World Heritage dell’Unesco con sede a Manamanel corso della 17/a Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico che si sta svolgendo a Paestum lancia un allarme che se dovesse trovare conferme aprirebbe scenari molto preoccupanti: “Non abbiamo prove tangibili, ma sappiamo che lo Stato Islamico (Isis) vende beni archeologici per acquistare armi e finanziare azioni terroristiche”.

Solo dieci giorni fa – ha ribadito Bouchenaki –  il direttore generale della Organizzazione mondiale delle Nazioni Unite per l’Educazione, la Scienza e la Cultura ha istituito una task force per l’Iraq e il traffico illecito di opere. E insieme al Comando dei Carabinieri per la Tutela del patrimonio culturale, che ha più di 40 anni di esperienza, alle autorità francesi e all’Interpol, stiamo cercando di lavorare per stringere il cerchio e capire chi immetta sul mercato questi beni, la loro provenienza e soprattutto a quali mercati siano diretti”.

Stando a quanto dichiara il Consigliere, insieme ai rapimenti a scopo di estorsione e alla vendita di petrolio, anche la vendita di beni archeologici trafugati dalla Siria e dall’Iraq figura tra le fonti di guadagno per i jihadisti dell’Isis: “Nessuna prova formale in grado di inchiodare gli estremisti dello Stato islamico ma il lavoro attuale della task force è individuare le filiere e capire dove finiscono i soldi”. 

Siria, Libia, Iraq e Yemen sono i Paesi che creano maggiori preoccupazioni sia per la loro instabilità politica che accresce il mercato nero che per le minacce di terrorismo. Per giunta le piazze su cui vengono venduti questi reperti trafugati illegalmente si stanno allargando notevolmente: “Non soltanto Svizzera e Gran Bretagna. ‘Oggi nei Paesi del Golfo, in particolare gli Emirati con Abu Dhabi e Dubai – ha detto Bouchenaki – esistono compratori con grosse somme di danaro che purtroppo acquistano questi beni”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.