Quiz invertiti, Miur annulla prove per Scuole Medicina. Cineca si scusa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Università_StudentiUn ‘pacchetto’ di quiz distribuito per errore al posto di un altro, e oltre 11 mila candidati all’ingresso alle Scuole di specializzazione in Medicina per l’Area Medica e i Servizi clinici si ritrovano a dover ripetere le prove scritte, spese e stress compresi. Causa della doccia fredda, uno sbaglio subito ammesso dal Cineca, il Consorzio interuniversitario incaricato di somministrare i test (che si è scusato e si è già offerto di pagare spese ed eventuali danni), e immediatamente reso noto agli interessati dal Miur, che ha parlato di una “grave anomalia”, ma che ha già scatenato malumori e polemiche. “Il ministro Giannini dovrebbe avere la decenza di chiedere scusa e di dimettersi” tuona il deputato di Forza Italia Rocco Palese. “Risolva la questione o ne tragga le conseguenze” gli fa eco Giorgia Meloni (Fdi).
Il Codacons ha fatto sapere che avvierà una causa collettiva di risarcimento danni contro Cineca e Miur. Comunque, il 7 novembre, gli interessati saranno chiamati a tornare sui banchi. Le prove scritte del primo concorso nazionale per l’ingresso alle scuole di specializzazione in Medicina si erano svolte nei giorni scorsi, tra il 28 e il 31 ottobre. Alla selezione erano iscritti 12.168 candidati distribuiti in 117 sedi, per varie aree. Le verifiche sullo svolgimento dei test cominciano subito dopo, ieri sera, e non ci vuole molto ai funzionari del Miur per rilevare “una grave anomalia” nella somministrazione delle prove scritte del 29 e 31 ottobre per le scuole dell’Area Medica e quelle dell’Area dei Servizi Clinici. Il Miur chiede subito un approfondimento al Cineca, che, tramite una lettera ufficiale inviata al Ministero venerdì sera “alle ore 20.52” – precisa in una nota – ha ammesso “un errore nella fase di codifica delle domande durante la fase di importazione” di queste ultime nel data-base utilizzato per la generazione dei quiz.
A causa di questo errore, spiega il Ministero, sono stati scambiati i quesiti delle prove del 29 ottobre con quelli del 31 ottobre, in particolare le 30 domande comuni a ciascuna delle due Aree, Medica e dei Servizi Clinici. Trenta domande le cui risposte sono state annullate, e che saranno riproposte il 7 novembre dagli 8.319 candidati che hanno sostenuto le prove di tutte e due le Aree, dai 2.125 che hanno affrontato esclusivamente l’Area Medica e dai 798 che hanno svolto la prova solo per i Servizi Clinici. In tutto, 11.242 persone. Nessuna anomalia invece nei 10 quesiti specifici per ciascuna tipologia di Scuola, così come non si registrano problemi nelle prove del 28 ottobre (quella con i 70 quiz comuni a tutti i candidati) e del 30 ottobre (quella dell’Area Chirurgica). Il Codacons ha già annunciato una causa collettiva di risarcimento danni.
“E’ un vero e proprio scandalo – afferma il presidente Carlo Rienzi – ora tutti i candidati che hanno sostenuto i test saranno costretti a ripeterli, subendo un danno morale e materiale immenso”. Per questo ha deciso di citare in giudizio “il Cineca per l’errore materiale commesso e il Ministero dell’Istruzione per i mancati controlli che hanno concorso a determinare la cancellazione delle prove”. “Il governo risolva i danni causati aumentando il numero di borse” propone da parte sua l’Unione degli Universitari, che sottolinea “l’ennesimo errore del Cineca ai danni delle migliaia di studentesse e studenti che si sono presentati al concorso”. Ripetere la prova “andrà a falsarne l’intera veridicità” afferma l’associazione. “Il Miur – conclude – dovrà prendersi le proprie responsabilità”.
Fonte ANSA
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. E poi dicono che gli altri paesi non si fidano di noi! Hanno ragione a non fidarsi visto che i concorsi pubblici sono tutti truccati!

  2. max: cosa c’entrano i concorsi truccati? qui si parla di un errore materiale, uno scambio di plichi probabilmente.
    Riguardo i concorsi truccati, in Italia, ok, spesso si falsano per favorire parenti e amici, ma in altri paesi per favorire multinazionali! anche se questo è fatto “a norma di legge” e non traspare.. a voi la scelta!
    La corruzione non esiste solo in Italia; in altri paesi molto spesso viene legalizzata! vedi ad esempio il finanziamento ai partiti: in USA è assolutamente normale, quindi troviamo le multinazionali delle armi che chiaramente affermano di aver dato X milioni di $ a Y, il quale diventa presidente.. ovviamente poi ricambierà! questo in Italia non è possibile di fatto.. cambia la forma, ma la sostanza è la stessa, anzi, io preferisco l’Italia.
    Molti paesi hanno la chiara abitudine a nascondere la polvere sotto al tappeto, noi invece la mettiamo in bella vista! tutta qui la differenza.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.