Conti Regione Campania, Corte ha riconosciuto sforzi fatti da amministrazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
consiglio_regione_campania_giuntaIn riferimento ai conti della Regione Campania, il Dipartimento delle Risorse Finanziarie rende noto quanto segue. Con la deliberazione n. 19/2014, la Corte dei Conti, pur dando atto “…del virtuoso processo di riallineamento delle scritture contabili, avviato sia in sede legislativa sia in sede amministrativa, dalla Regione Campania per il superamento delle oggettive criticità storicamente stratificate …” aveva dichiarato di “non potersi parificare il rendiconto generale della Regione Campania per l’esercizio 2012“. Ciò, nonostante lo stesso Procuratore regionale della Corte dei Conti, nella requisitoria orale del 13 febbraio 2014, si fosse pronunciato, in modo favorevole per la parificazione del rendiconto tenendo conto di tutta una serie di problematiche ed elementi riferibili ad un passato anche poco recente.

Più espressamente il procuratore regionale della Corte dei Conti, pur evidenziando alcune criticità, allo stesso tempo aveva sottolineato gli sforzi compiuti per la loro rimozione apprezzando i risultati in gran parte già conseguiti. Nel dettaglio il pubblico ministero nella sua requisitoria si era così espresso: “Le chiavi di lettura che si ritengono utili per la valutazione finale appartengono ai centri di spesa esaminati i quali, quasi tutti, presentano significativi successi sia sul piano economico (nella sola sanità si è passati dall’indebitamento di 497 Meuro del 2010 ai 55 meuro nel 2013) sia sul piano della riorganizzazione dei servizi (vedasi legge di riordino delle società partecipate e l’opera compiuta dal commissario dell’EAV per il ripristino del servizio di trasporto pubblico) sia sul piano dei controlli (vedasi le nuove metodologie di controlli sui finanziamenti pubblici in favore dell’imprenditoria privata).

Il procuratore Cottone continuava: “Ora il processo di risanamento sembra avviato e, occorre riconoscere che (…) oltre che il contenimento delle fonti di spreco emergono anche effetti confermativi i cui risultati, in termini di legalità e virtuosità dell’azione dell’amministratore potranno essere certamente letti soltanto nei rendiconti futuri”.

Consapevole, dunque, del grande lavoro svolto, sebbene non vi fosse una norma nazionale di riferimento, l’Amministrazione regionale ha deciso di presentare ricorso avverso la deliberazione n. 19/2014, e la Corte dei Conti a Sezioni Riunite ha accolto il ricorso presentato dall’amministrazione regionale della Campania.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.