Idrocarburi, la regione chiede condivisione con comunità su attività estrazione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
trivellazioni_vallo_di_diano“Ho proposto, con richiesta inviata all’ufficio legislativo della Giunta, di presentare ricorso alla Corte costituzionale per ottenere che sia dichiarata la incostituzionalità dell’art 38, per contrasto con quanto enunciato all’articolo 117 della Costituzione sulla legislazione concorrente tra Stato e Regioni.

In materia di attività di ricerca e coltivazione di idrocarburi, chi amministra i territori, con il confronto fra i diversi enti ed i cittadini, è in grado di valutare pienamente le conseguenze ambientali e gli eventuali impatti che tali attività possono avere sull’economia dei territori coinvolti nei diversi settori produttivi e sull’ambiente.

È evidente che tecnicamente, per spiegare la sua efficacia, il ricorso dovrà essere proposto contro la legge di conversione del Decreto Sblocca Italia, che spero, ancora, possa, nella sua redazione ed approvazione definitiva, fare ammenda degli errori che caratterizzano l’art. 38 del DL. Voglio, quindi, essere ancora fiducioso in un ravvedimento del Governo.”

Così Vittorio Fucci, assessore al Commercio, Artigianato, Indirizzo e Coordinamento in materia di attività di ricerca ed estrazione di idrocarburi della Regione Campania.

“Devono essere i cittadini a poter scegliere”, conclude Fucci.

“Nessuna impostazione ideologica da parte della Regione. Queste iniziative devono tenere conto delle preoccupazioni e delle esigenze della comunità. I processi non possono essere imposti ma vanno condivisi” aggiunge il presidente della regione Campania Stefano Caldoro.

“Sono certo il Governo ed i parlamentari riusciranno a trovare la migliore sintesi”, conclude il presidente

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Ma come? Invece di essere contenti che nelle nostre terre ci sia il petrolio, invece di pensare a quanta ricchezza esso può portare, a quanti posti di lavoro può produrre, invece di elaborare adeguate strategie di estrazione senza inquinamento (come tanti giacimenti Eni nel mondo)…. Ebbene si pensa a protestare…. É assurdo, autolesionista… Ma non c’entrano per caso le royalties? Politici ladri!

  2. Ma nessuno si è documentato circa i pericoli di fenomeni sismici causati dalle nuove tecniche di estrazione di idrocarburi? Ma lo volete capire che ci saranno solo costi per la collettività e guadagni per pochi privati?

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.