Stabilità 2015, “bonus 80 euro”, presentato emendamento Pisano (M5S)

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Girolamo_PisanoLa versione definitiva del Bonus 80 Euro di Renzi, inserita nella Legge di Stabilità 2015, continua ad essere iniqua. Una famiglia composta dai soli coniugi che percepiscono ognuno un reddito inferiore a 24.000 euro hanno diritto entrambi al bonus. Una famiglia invece composta dai coniugi e anche da figli, con un unico reddito complessivo di 27.000 euro, sebbene in condizioni economicamente peggiori del nucleo familiare dell’esempio precedente, non ha diritto al bonus.

L’emendamento che propongo risolve questo problema utilizzando come parametro per ottenere il bonus non più il “redditocomplessivo” ma un “ indicatore di reddito” equivalente ISRE derivato dall’ISEE .

L’effetto è quello di spostare la platea degli aventi diritto al bonus a coloro che ne hanno davvero bisogno. Questo approccio, oltre ad essere equo, ha un effetto più immeditato sull’economia poiché la propensione alla spesa di quelle famiglie è decisamente più elevata.

Rispetto alla versione di Renzi 2015, con l’aumento delrange di decrescenza a 3000 (18.000 – 21.000) viene anche risolto il problema della cosiddetta “trappola dellapovertà” per la quale, in corrispondenza di un maggior reddito lordo, si verifica un minor reddito netto!

 

Eccoil testo dell’emendamento

All’articolo 4 apportare le seguenti modiche:

a) Al comma 1, sostituire le parole: “Qualora l’imposta lorda determinata sui redditi di cui agli articoli 49 , con esclusione di quelli indicati nel comma 2, lettera a), e 50, comma 1, lettere a), b), c), c-bis), d), h-bis) e l), sia di importo superiore a quello della detrazione spettante ai sensi del comma 1,” con le seguenti: “Sui redditi di cui agli articoli 49, con esclusione di quelli indicati nel comma 2, lettera a), e 50, comma 1, lettere a), b), c), c-bis), d), h-bis) e l),”

b) sostituire i numeri 1) e 2) con i seguenti:

“1) 960 euro, se  l’indicatore della situazionereddituale equivalente (ISRE), definito come rapporto tra l’indicatore della situazione reddituale e la scala di equivalenza come individuati dal   decreto del Presidente del consiglio dei ministri 5dicembre 2013, n. 159  non è superiore a 18.000 euro;

2) 960 euro,  se l’indicatore della situazione redditualeequivalente (ISRE), definito come rapporto tra l’indicatore della situazione reddituale e la scala di equivalenza come definiti dal   decreto del Presidente del consiglio dei ministri 5dicembre 2013, n. 159  nonè superiore a 21.000 euro. Il credito spetta per la parte corrispondente al rapporto tra l’importo di 21.000 euro, diminuito dell’ISRE, e l’importo di 3.000 euro

c) al comma 2, aggiungere in fine il seguente periodo:

“Per beneficiare dell’erogazione del credito di cui all’articolo 13, comma 1-bis, del testo unico delle imposte sui redditi, di cui al decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, il beneficiario deve presentare al datore di lavoro il certificato I.s.e.e. attestante l’indicazione della situazione economica equivalente del nucleofamiliare,  affinché questi possa derivare l’indicatore della situazionereddituale equivalente e di conseguenza la spettanza del credito. ”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Attenzione anche alle modalità di percepimento degli 80 € da parte dei lavoratori. Mi risulta che diversi datori di lavoro (furbacchioni e ricattatori !) non hanno mai aggiunto gli 80 euro nella busta paga dei dipendenti !!! Sarebbe opportuno trovare un modo per farli arrivare direttamente nelle mani dell avente diritto.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.