Cortei: Viminale; ok dialogo, ma fermezza su legalità Vertice Alfano-ps in vista manifestazioni

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
terni_scontri_roma_corteo_ast_terniIl calendario è fitto da qui a fine anno: manifestazioni, cortei e proteste assortite minacciano di tenere alta la tensione in tutto il Paese. Quanto avvenuto nei giorni scorsi, dalle manganellate agli operai dell’Ast a Roma agli agenti di polizia feriti a Bagnoli (Napoli), fino all’aggressione al segretario della Lega Nord, Matteo Salvini, a Bologna, non fa dormire sonni tranquilli al Viminale. Ed oggi il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha riunito i vertici di forze dell’ordine e servizi per fare il punto sulla situazione. L’indicazione uscita è quella di ‘preparare’ al meglio le prossime manifestazioni, lavorando in sinergia tra forze di polizia ed organizzatori su orari, luoghi e modalità di svolgimento. Si farà tutto il possibile per garantire il diritto a manifestare, ma ci sarà la “massima fermezza”, perchè tutto avvenga nel rispetto della legalità.

Le analisi di forze di polizia ed intelligence concordano sul malcontento generalizzato che serpeggia nel Paese, alle prese con una pesante crisi economica. Ci sono un centinaio di vertenze occupazionali che rischiano di invadere il campo dell’ordine pubblico, se non gestite al meglio: l’esempio dell’Ast di Terni fa da monito. Ma sono in fibrillazione anche altri soggetti, dagli studenti ai movimenti per la casa, dagli antagonisti ai Forconi, passando per i gruppi più legati al territorio come i No Tav, i No Muos o i No Tap. Per ora non ci sono segnali di ‘convergenze’ tra i diversi contestatori, ma l’attenzione degli apparati di sicurezza è alta.

La data più imminente che preoccupa è quella di venerdì prossimo, con lo sciopero generale indetto dai Cobas, cui hanno aderito movimenti studenteschi e centri sociali. Previste iniziative in tutta Italia: a Roma programmato un presidio in mattinata a Montecitorio ed alle 14 un sit-in degli studenti al ministero dell’Istruzione.

A Torino sfileranno i duri del Centro sociale Askatasuna. Analoghe iniziative sono previste in tante città da Palermo a Vicenza, da Bologna a Catania. Con quel mix poco controllabile di studenti, antagonisti e sindacati di base che metterà presumibilmente a dura prova l’ordine pubblico. Dopo la riunione di oggi il Viminale fa sapere che ci sarà “la massima disponibilità al dialogo con tutti per garantire il diritto a manifestare ma, nello stesso tempo, la massima fermezza per assicurare il rispetto della legalità”.

A questo scopo, il ministro Alfano ha invitato i vertici delle forze dell’ordine “a porre in essere tutte le necessarie sinergie per assicurare la massima efficacia dei dispositivi di prevenzione e controllo al fine di garantire il pacifico svolgimento delle manifestazioni programmate”. E la via per assicurare cortei pacifici, ha indicato nei giorni scorsi lo stesso Alfano, passa dal confronto continuo tra sindacati e forze dell’ordine per le manifestazioni a tematica lavorativa.

Dopodomani al Viminale si aprirà così il tavolo con i leader delle organizzazioni sindacali per affrontare in maniera condivisa la governance delle manifestazioni: si tratta di assicurare un flusso continuo di informazioni tre le due ‘parti’, in modo da evitare malintesi e disorganizzazioni che possano poi tradursi in scontri di piazza. Da parte dei vertici delle forze dell’ordine l’indicazione è comunque di evitare la mano pesante. Tra l’altro, manganellate ‘indiscriminate’ potrebbero favorire ‘alleanze’ tra diversi ambiti di protesta nel nome della “guerra agli sbirri”. Il nuovo regolamento della polizia per i cortei entrerà in vigore solo tra mesi. Ai funzionari che dovranno gestire i prossimi cortei verrà in ogni caso ribadito l’invito ad attuare tutti i tentativi di mediazione possibili, evitare provocazioni e ricorrere ai manganelli solo in casi di necessità.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.