Raccolta rifiuti prodotti dalla navi, Ass. Romano: Miglioriamo impianti portuali

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
nave_crociera_porto_salerno “Sono particolarmente soddisfatto per l’approvazione del provvedimento che assume una importanza notevole per la soluzione di problemi quali gli scarichi in mare, in particolare quelli illeciti, dei rifiuti e dei residui del carico prodotti dalle navi che utilizzano porti ubicati lungo le coste della nostra regione.”

Così l’assessore all’Ambiente Giovanni Romano.

Oggetto del provvedimento è l’espressione dell’intesa regionale, prevista dal decreto legislativo n. 182 del 24 giugno 2003, che prevede l’obbligo, nei porti in cui l’Autorità competente è l’Autorità marittima che la stessa adotti, tramite ordinanza e d’intesa con la Regione competente, un piano di raccolta dei rifiuti prodotti dalle navi e dei residui del carico.

 

Gli uffici regionali, competenti in materia di rifiuti, sono stati chiamati, per la predisposizione dei piani, a verificare la coerenza e conformità delle previsioni dei succitati piani di raccolta e di gestione dei rifiuti con gli obiettivi e le previsioni sia del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Urbani nonché del Piano Regionale di Gestione dei Rifiuti Speciali.

 

Al fine di garantire omogeneità di contenuti e coerenza dei diversi piani portuali con la pianificazione sovraordinata di settore è stato costituito un gruppo di lavoro interistituzionale cui è stato affidato  il compito di esaminare tutta la materia e predisporre delle linee utili di indirizzo.

 

Questi i porti di rilevanza regionale di cui sono stati trasmessi i piani:

•        Acquamorta nel Comune di Monte di Procida (NA)

•        Baia nel Comune di Bacoli (NA)

•        Marina grande nel Comune di Bacoli (NA)

•        Miseno nel Comune di Bacoli (NA)

•        Pozzuoli nel Comune di Pozzuoli (NA)

•        Marina Grande nel Comune di Procida (NA)

•        Chiaiolella nel Comune di Procida (NA)

•        Corricella nel Comune di Procida (NA)

•        Ischia nel Comune di Ischia (NA)

•        Casamicciola nel Comune di Casamicciola (NA)

•        Lacco Ameno nel Comune di Lacco Ameno (NA)

•        Forio nel Comune di Forio (NA)

•        Sant’Angelo nel Comune di Serrara Fontana (NA)

•        Granatello nel Comune di Portici (NA)

•        Torre del Greco nel Comune di Torre del Greco (NA)

•        Torre Annunziata nel Comune di Torre Annunziata (NA)

•        Marina di Stabia nel Comune di Castellammare (NA)

•        Marina di Vico nel Comune di Vico Equense (NA)

•        Marina di Equa nel Comune di Vico Equense (NA)

•        Marina di Cassano nel Comune di Piano di Sorrento (NA)

•        Marina della Lobra nel Comune di Massalubrense (NA)

•        Marina Grande nel Comune di Capri (NA)

•        Positano nel Comune di Positano (SA)

•        Amalfi nel Comune di Amalfi (SA)

•        Maiori nel Comune di Maiori (SA)

•        Cetara nel Comune di Cetara (SA)

•        Marina d’Arechi nel Comune di Salerno (SA)

•        Agropoli nel Comune di Agropoli (SA)

•        San Marco nel Comune di Castellabate (SA)

•        Agnone nel Comune di Montecorice (SA)

•        Acciaroli nel Comune di Pollica (SA)

•        Casal Velino nel Comune di Casal Velino (SA)

•        Pisciotta nel Comune di Pisciotta (SA)

•        Palinuro nel Comune di Centola Cilentano

•        Camerota nel Comune di Camerota (SA)

•        Scario nel Comune di San Giovanni a Piro (SA)

•        Policastro nel Comune di Santa Marina (SA)

•        Sapri nel Comune di Sapri (SA)

 

“Esprimo il più vivo ringraziamento – aggiunge Romano – per il risultato conseguito che ci consente di essere la prima regione d’Italia ad aver questo piano in ottemperanza ad una legge del 2003. Un grazie a quanti hanno contribuito alla redazione del piano ed in particolare alla Guardia Costiera, l’ammiraglio Basile e il comandante Meo.

 

“Adesso – conclude –  bisogna attendere il perfezionamento dell’iter istruttorio di approvazione dei succitati piani, da parte delle competenti autorità marittime e il conseguente svolgimento delle procedure di affidamento dei servizi di gestione e raccolta dei rifiuti prodotti dalla navi e dei residui del carico dei porti di rilevanza regionale (non sede di Autorità Portuale).”

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Ma possibile che in questa stato, oltre alle leggi e agli organi predisposti per il rispetto delle stesse ( vedi i vari e tanti corpi di polizia) , c’è bisogno, ogni volta, di un comitato o di un altro organo che controlli l’applicazioni delle stesse !??
    E GIU’ SOLDI !!!!!!!!!!!
    E come diceva quel grandissimo artista “E IO PAGO”

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.