Ravello: Valutate le offerte per i lavori di valorizzazione e restauro Villa Rufolo. A breve l’apertura del cantiere

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
villarufoloCon l’apertura delle buste contenenti le offerte economiche, si è conclusa stamane la seconda fase della procedura che porterà all’affidamento dei“Lavori di valorizzazione e restauro del complesso monumentale di Villa Rufolo”. A valutare le sette offerte pervenute alla Fondazione Ravello una commissione tutta al femminile formata dall’architetto, Rosa Zeccato, dirigente dell’ufficio tecnico del Comune di Ravello, dalla dottoressaMaria Teresa Mincione, funzionario del Provveditorato alle opere pubbliche della Campania e dalla dottoressa, Elisabeth Videtta, funzionaria del Ministero dei Beni Culturali, già consulente della Fondazione Ravello per Villa Rufolo. A risultare prima, in attesa dell’aggiudicazione provvisoria prima e definitiva poi, l’offerta presentata dalla RTI Capogruppo, Ronga Salvatore s.r.l., Mandanti Dielle Impianti s.r.l. e Ferrigno Michele s.a.s. di Tiziano Ferrigno.

Nel capitolato d’appalto, redatto dalla Fondazione Ravello, si è dato molto peso alle “migliorie” al progetto ed ai lavori che le singole imprese avrebbero dovuto offrire, oltre agli interventi base da realizzare. Il punteggio molto alto raggiunto dall’offerta tecnica risultata prima lascia dunque presagire ad interventi migliorativi di rilievo sul cantiere che da qui a breve verrà aperto. Tre inoltre, le imprese escluse per difetto di compilazione delle offerte. L’intervento, finanziato con € 3.372.672,91 (rientranti nel FESR 2007/2013 nell’ambito dell’Obiettivo Operativo 1.9 Beni e siti culturali – Iniziative di Accelerazione della spesa), servirà a completare il restauro e la riqualificazione delle facciate Sud e Ovest della Villa, il completamento degli impianti con la climatizzazione di tutti gli ambienti, e dulcis in fundo, la musealizzazione della Torre maggiore, già interessata dalle operazioni di recupero strutturale nell’ambito dei finanziamenti ARCUS. Opere tutte importanti per la valorizzazione e conservazione del prestigioso monumento, ma fra tutte, la dotazione di un particolare e innovativo museo, a metà fra il fisico ed il virtuale, farà compiere alla Villa quel salto ulteriore proiettandola verso nuove forme di turismo culturale.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.