Assistenza fasce deboli in provincia di Salerno: ancora nulla di fatto

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
socio_sanitario_disabili_anziani_carrozzinaSi è tenuto stamane in Prefettura l’incontro chiesto nelle settimane scorse dal Coordinamento dei Centri di riabilitazione della sanità privata accreditata della provincia a seguito della delicata situazione creatasi conseguentemente alla sottostima del budget assegnato con DCA 90/14, per la macroarea socio-sanitario e salute mentale, da parte della Regione Campania, e in seguito alla delibera 931/2014 sui tetti di spesa dell’ASL di Salerno pubblicata lo scorso mese di ottobre.

Alla convocazione hanno preso parte il Presidente e il Direttore Sanitario dell’Anffas-Onlus di Salerno Salvatore Parisi e Angelo Cerracchio e in rappresentanza dell’Aspat Antonio Gambardella, coordinatore regionale e il consigliere Carmen Guarino con l’obiettivo di individuare un percorso per scongiurare la sospensione dei servizi socio-sanitari per i cittadini di fascia debole, come disabili e anziani.

ANFFAS e ASPAT hanno evidenziato un’anomalia dell’Asl di Salerno che, nonostante abbia preso atto dell’errore di attribuzione dei fondi (mancano oltre 2 milioni di euro rispetto all’anno precedente) ha comunque ritenuto di assegnarli senza previa correzione da parte della Regione.

La situazione allo stato attuale è la seguente: i servizi sociosanitari, semiresidenziali e residenziali erogati a favore dei disabili e degli anziani per i prossimi due mesi non avranno la copertura finanziaria da parte dell’ASL Salerno e pertanto dovranno interrompere l’attività.

Federico Pagano, in rappresentanza della direzione generale dell’Asl di Salerno, ha affermato che l’Asl di Salerno farà la sua parte per riparare ad un problema che è solo di tipo economico-finanziario. E se sarà necessario verrà applicato l’ articolo 32 della costituzione e in secondo momento verrà attivato un tavolo per trovare una soluzione ad un problema che si perpetua da qualche anno. Il rappresentante dell’Asl chiede di avere qualche giorno per consultarsi con il Direttore generale e il tavolo si autoconvoca lunedì 24 novembre alle 16.00 presso la Prefettura di Salerno.

La Regione ha tagliato 2,5 milioni di euro all’Asl per la spesa socio-sanitaria. L’Asl, da canto suo, fa sapere che non ha fondi per pagare.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.