Petizione Arte della Pizza: il comune di Tramonti abbraccia l’iniziativa

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
PizzaioloIl 2 Settembre 2014, in occasione della kermesse “Pizza Village” di Napoli, il già Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Alfonso Pecoraro Scanio, insieme all’associazione “Pizzaiuoli Napoletani” e alla fondazione UniVerde hanno lanciato la petizione popolare sulla piattaforma “Change.org”, con la quale si chiede all’Unesco di inserire l’arte della pizza napoletana nella speciale lista del patrimonio culturale immateriale mondiale che necessita di essere urgentemente salvaguardato. Nel Corso del Forum Internazionale dell’Agricoltura e dell’Alimentazione di Cernobbio, svoltosi nel mese di Ottobre 2014, l’organizzazione agricola Coldiretti ha annunciato il sostegno alla petizione anche per sensibilizzare il pubblico sui gravi danni che subisce la pizza napoletana soprattutto sui mercati internazionali.

Il Comune di Tramonti, storicamente legato alla pizza e all’antico mestiere del pizzaiolo, ha abbracciato in toto questa coraggiosa iniziativa, che valorizza le origini dell’identità comunale e per estensione dell’identità nazionale: attualmente sono circa duemila le pizzerie di origine tramontana aperte in tutte il mondo, che continuano a produrre “in purezza” la pizza esaltando le origini, le tradizioni e le tecniche gelosamente custodite e trasmesse da padre in figlio. Tramonti da sempre attenta al prodotto pizza: negli anni Novanta è nata la Corporazione dei Pizzaioli di Tramonti e in seguito, nel 2010, l’Amministrazione Comunale ha inteso tutelare e valorizzare questo prodotto con l’approvazione di apposito regolamento e riconoscimento della denominazione comunale “De.Co”.

Il Comune di Tramonti, unico Comune d’Italia al momento ad aver aderito alla Petizione, con la collaborazione della Corporazione dei Pizzaioli, i cui membri sono disseminati su tutto il territorio nazionale, sono impegnati nella raccolta di firme per sollecitare il consiglio direttivo della Commissione Nazionale Italiana per l’Unesco ad indicare nella prossima seduta del marzo 2015 la designazione dell’arte della pizza napoletana quale patrimonio immateriale dell’umanità: l’impegno, inoltre, è stato ufficializzato con Delibera G.C. del 6-11-2014. “È un’iniziativa che ci rende felici – ha dichiarato il Sindaco di Tramonti dott. Antonio Giordano – siamo fieri di poter sostenere questo prodotto che da sempre ha colorato le tavole del nostro bel paese. Tramonti, paese emblematico in questo settore, sarà sempre attento alle proprie origini e alle proprie tradizioni e darà sicuramente il suo contributo, anche in termini numerici, viste le numerose pizzerie sparse in tutta Italia e nel Mondo”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.