Rischio frane e alluvioni, al via terzo corso scuola regionale Protezione Civile

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
protezione_civile_corsoHa preso il via, presso la Scuola Regionale di Protezione civile, alla presenza dell’assessore Edoardo Cosenza, il terzo corso sul presidio idrogeologico del territorio riservato a tecnici esperti.

Le lezioni, alle quali sono state ammesse 34 persone, tra ingegneri e geologi, serviranno a formare sentinelle del territorio in grado di prevenire il rischio frane ed alluvioni sulla base di sopralluoghi e verifiche sul campo: in caso di preallarme meteo saranno utilizzate per tenere sotto osservazione le zone critiche e segnalare, tempestivamente, il pericolo agli enti preposti.

All’avvio del corso erano presenti anche il presidente dell’Ordine degli ingegneri di Salerno Michele Brigante, il segretario generale dell’Autorità di Bacino Campania Centrale Stefano Sorvino, il direttore generale dei Lavori pubblici Italo Giulivo e il direttore didattico della Scuola Giulio Zuccaro.

“Si tratta di un sistema che, in Campania, stiamo già utilizzando dall’inizio dell’anno e che – ha detto l’assessore Cosenza – ha permesso di evitare evacuazioni di intere frazioni di Comuni durante gli stati di criticità meteo. Questo, infatti, è il terzo corso che si tiene presso la nostra Scuola dedicato a sviluppare tali competenze specialistiche: abbiamo già realizzato due cicli di lezioni e formato 91 unità. Le coppie di superesperti, composte da un ingegnere e un geologo, sono state già impiegate per la difesa del suolo e la sicurezza dei cittadini.

“Grazie al nuovo corso completiamo infatti la formazione dei tecnici destinati alla zona di allertamento “3”, che è di gran lunga la più pericolosa della Campania perché è una zona esposta al rischio delle tremende colate di fango, i cui ultimi esempi sono Sarno (1998) e Atrani (2010). Il lavoro si concluderà con la preparazione delle “carte di crisi”, vere e proprie carte d’identità della fragilità idrogeologica del territorio di competenza di ciascuna coppia di presidianti.

“L’attività di addestramento sarà dura così come l’impegno sul territorio: ma possiamo ritenerci orgogliosi di avere attivato un meccanismo virtuoso che pone la Campania decisamente all’avanguardia in Italia. I presidi territoriali sono uno straordinario strumento di prevenzione del dissesto idrogeologico che migliorerà nettamente la sicurezza dei cittadini della Campania e che possiamo avviare grazie alla grande collaborazione con ordini di Ingegneri e geologi”, ha concluso Cosenza.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.