Regionali: Governatore Caldoro, “Basta liti e sciogliere le Regioni”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Caldoro_Regione“Basta liti e scioglimento delle Regioni”:  lo dice il Presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, indicando le condizioni al partito e alla coalizione di centrodestra, in vista delle prossime elezioni, in programma in primavera. “Non sono questioni personali. Parlo ai cittadini che vogliono il cambiamento e non si accontentano di enti senza prospettive future”, aggiunge Caldoro che chiede un clima politico di coesione perché – spiega – “ai cittadini le liti non interessano, sono stanchi, vogliono un progetto chiaro”. “La mia coalizione, a partire da Forza Italia – afferma Caldoro – deve condividere il progetto di scioglimento delle attuali Regioni, in un processo costituente per le macro regioni perché con l’attuale sistema non si va più avanti”. “Questo è un grande obiettivo di partecipazione per la trasformazione del Paese – sottolinea Caldoro – Se si lavora con questa missione vale la pena fare sacrifici e lottare”. “L’alternativa sarebbe gestione e potere – conclude Caldoro – un percorso che non condivido né capisco nemmeno io; come faccio a convincere i cittadini della bontà di un serio programma politico?”.

Il Governatore Caldoro interpellato sulla possibilità di una sua ricandidatura alle prossime elezioni regionali, a margine dell’incontro “Il filo rosso del pomodoro” ha così risposto: “Ho posto solo due grandi questioni che riconfermo, che non sono personali. Mi rivolgo ai cittadini che auspicano un cambiamento, che non si accontentano più di enti senza futuro e che spesso vengono visti come un ostacolo. Chi come me lavora nelle Regioni sa che non si può andare avanti in questo modo perché il sistema deve cambiare”. “La prima – dice Caldoro – è un clima politico di coesione e non di liti, perché i cittadini sono stanchi. La seconda è che la mia coalizione condivida il progetto di sciogliere le attuali regioni e avviare un processo costituente per costruire macroregioni, questo è un grande obiettivo di partecipazione e trasformazione, un messaggio di presenza che le cose possono cambiare. Se uno è impegnato a lavorare con questa missione, allora val la pena lottare per la Politica con P maiuscola. L’alternativa sarebbe gestione, potere e su queste cose non sono interessato e non lo condivido. Non lo capirei prima io, come potrei convincere i cittadini della serietà di un programma politico”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Sono d’accordo. Le attuali regioni non hanno senso. Occorre aggregare delle macroaree che per cultura e interessi economici siano più ampie delle attuali estensioni regionali. Che senso ha avere regioni come l’Abruzzo, il Molise, la Lucania. Averle è solo un modo per moltiplicare le competenze e sprecare risorse.
    Sarebbe sufficiente avere un Nord-est, un Nord-ovest, un Centro, un Sud e le due isole. Così come anche sarebbe giusto ridurre il numero dei comuni dagli attuali ottomila e passa a cinquemila.

  2. Non ho mai condiviso nulla di Caldoro e , soprattutto, della sua politica di dx, per non parlare della sua forte vicinanza alla destra più nera, ovvero ex missini, però devo dare atto che è stato uno dei primi a parlare di scioglimento della Regioni. Le Regioni sono ancora più dannose delle Province, quindi dovendo già modificare la Costituzione, tanto vale abolire Province, Regioni e Comunita Montane, per sempre. Trasferire tutte le competenze ai Comuni e quelle più ampie e indivisibili ad un organismo di area vasta SENZA, però, IL CONTRO DELLE POLITICA, e dei politicanti affaristi.
    Bravo Caldoro, anche se penso che la sua si solo una provocazione strumentale. Peccato. Tutti a LAVORARE, finalmente, compresi i redattori.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.