Eboli: un arresto dei carabinieri per sfruttamento della prostituzione

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
lampeggiante_carabinieriNel corso di mirata attività finalizzata a contrastare il mal costume della prostituzione, spesso, esercitata da donne extracomunitarie, i militari della Compagnia di Eboli diretti dal Capitano Alessandro Cisternino, nel corso della serata di ieri, a conclusione di minuziose indagini, hanno arrestato un uomo  responsabile di sfruttamento della prostituzione, lesioni personali e violenza privata.

L’attività, svolta dai militari del Nucleo Operativo comandato dal Ten. Manna, ha fatto emergere gravi indizi di colpevolezza  a carico dell’arrestato poiché è stato dimostrato che sistematicamente, dopo aver accompagnato la donna all’interno della pineta di Campolongo, si posizionava nelle immediate vicinanze per sfruttare  la malcapitata e quindi impossessarsi degli introiti.

La professionalità dei militari ha consentito di aprire un significativo scenario sui metodi utilizzati per sfruttare la “schiava del sesso”  che ha  dichiarato senza alcuna difficoltà di non aver percepito alcunché al termine delle prestazioni sessuali atteso che l’intero compenso veniva intascato dall’arrestato.

Nei confronti dell’uomo è stato contestato altresì il reato di lesioni personali poiché in più circostanze, al rifiuto della donna di prostituirsi, l’avrebbe selvaggiamente picchiata procurandole lesioni al volto e agli arti.

In sede di perquisizione domiciliare presso l’abitazione dell’arrestato sono stati ritrovati i passaporti della donna e dei due figli minori, sottratti per evitare che la stessa potesse allontanarsi dalla zona.

L’aguzzino avrebbe sfruttato la donna per circa 9 mesi ottenendo compensi che oscillavano tra i 150 ed i 200 euro al giorno.

L’arrestato è stato tradotto presso il carcere di Salerno.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. In ambito di prostituzione tra soggetti maggiorenni, mi domando il motivo per il quale a cadere vittime della tratta di persone a sfondo sessuale debbano essere sempre le donne straniere, mentre quelle italiane ne debbano essere quasi esenti, sia in Italia, sia all’estero ed il motivo per il quale i marciapiedi del sesso a pagamento si svuotano durante le vacanze natalizie e pasquali. La risposta è quella che la schiavitù del sesso a pagamento non è molto diffusa.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.