Uccide la moglie e pubblica post su facebook, indignazione per i 300 “like”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Cosimo_PagnaniContinuano a suscitare indignazione i contorni dell’efferato delitto avvenuto nella serata di domenica a Postiglione, nel salernitano, dove un uomo Cosimo Pagnani ha massacrato a coltellate la ex moglie con la quale aveva una figlia piccola. Il 32enne assassino sul suo profilo Facebook aveva pubblicato un post contro la donna: “Sei morta t…”. Uno degli aspetti più agghiaccianti di questa vicenda è che, una volta circolata la notizia del delirante messaggio sul social network, centinaia di persone vi stanno apponendo un “mi piace”.  I carabinieri stanno approfondendo anche questo aspetto ed è molto probabile che il messaggio sia stato inviato dall’assassino dopo il delitto, con il suo telefonino, nonostante avesse perso molto sangue per una ferita all’anca.

L’ultimo insulto alla donna dopo una bestiale violenza. Nella tarda mattinata, il profilo Facebook di Pagnani sul quale continuavano ad arrivare i “like” è stato chiuso. Intanto i Carabinieri sono certi che il profilo Fb sia dell’uomo ma ancora non hanno la conferma che a scrivere quella frase sia stato lui. Sul social, il trentaduenne raccontava spesso del suo amore per la figlia, della sua voglia di ricominciare, voltando pagina e dimenticando la sofferenza, del suo desiderio di offrire alla piccola un futuro migliore.

Domani l’interrogatorio di Cosimo Pagnani. Sarà interrogato nella giornata di martedì Cosimo Pagnani al momento trasferito nel carcere di Fuori, a Salerno. L’uomo, accusato di aver ucciso la moglie, comparirà davanti al Gip per vedere se dirà qualcosa su quanto accaduto.
Frase scritta subito dopo o appena prima del delitto? Confessione compiaciuta di un crimine o minaccia verso la donna? Questi i quesiti che devono risolvere i carabinieri con la procura che presumibilmente nominerà un perito per accertarlo. Se venisse accertato che il post pubblicato su Facebook fosse stato scritto prima di compiere il delitto scatterebbe per Pagnani l’aggravante della premeditazione. Certa è invece l’indignazione del web, con la creazione di una contro-pagina (“Le merde che hanno messo like al post di Cosimo Pagnani”) che al momento conta oltre 1300 ‘mi piace’. Di sicuro la piccola figlia della coppia si trovava nella casa del nonno materno e non ha assistito all’omicidio della madre. Il padre – secondo quanto riporta l’agenzia ANSA – da quando è stato portato in carcere, non ha mai chiesto neanche di lei.
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.