Processo Fonderia Pisano, richiesta di patteggiamento ed ammenda di 800 euro

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
foto presidio_fonderia_pisanoProduzione di fumi e polveri «idonei ad offendere e molestare le persone residenti in zona», esercizio dell’impianto di fonderie senza autorizzazione e mancanza di adeguati interventi a favore dei lavoratori sono le ipotesi di reato contestate a carico dell’imprenditore Luigi Pisano 90enne titolare delle Fonderie a Fratte e per il quale l’avvocato Guglielmo Scarlato – come riporta il Mattino oggi in edicola – ha avanzato richiesta di patteggiamento pari a 800 euro di ammenda.

L’udienza è stata rinviata al prossimo 3 febbraio. L’Avvocato Scarlato ha posto una serie di eccezioni circa la validità della costituzione di alcune parti civili che si sarebbero costituite in ritardo e dunque, a parere del legale dell’imprenditore, non dovrebbero essere ammesse. In una nota il Comitato Salute e Vita ripercorrere la giornata di ieri: Contemporaneamente all’ingresso dello stesso tribunale, come previsto, si è svolto il presidio organizzato dal “Comitato Salute e Vita”. Gli attivisti, che indossavano simbolicamente delle mascherine a sottolineare l’aria malsana che sono costretti a respirare a causa delle emissioni della fonderia, hanno manifestato numerosi con cartelloni i cui messaggi richiamavano le istituzioni e la giustizia alle proprie responsabilità.

L’udienza si è aperta con la richiesta di patteggiamento avanzata dal legale della famiglia Pisano, Avv. Scarlato, il quale alcuni giorni prima aveva concordato con il pm la pena finale per i reati ascritti al suo assistito, sanzione che ora dovrà essere vagliata dal giudice dott. Cantillo. Il legale, avendo visionato le costituzioni di parte civile, depositate alla precedente udienza, si è poi opposto all’ammissione delle stesse sia per ragioni di intempestività che per motivi di merito. Il giudice, Dott. Cantillo, attesi i diversi profili procedurali nonché di merito emersi, si è riservato di valutare caso per caso la validità di tali atti.

Tuttavia la notizia del giorno è che l’Avv. Scarlato si è presentato all’udienza con la procura speciale necessaria per il patteggiamento firmata dal Sig. Luigi Pisano, soluzione che vede d’accordo anche il PM. Il Comitato da un lato esprime soddisfazione per tale risultato, in quanto si tratta di un’ammissione di colpa dei reati ascritti a Pisano che, si ricorda, consistono nell’ ”l’emissione di fumi contenenti polveri di natura cancerogena” oltre che “della mancata osservanza di norme per la sicurezza dei lavoratori”. Tuttavia ciò che colpisce è che, nonostante le gravi responsabilità in termini di reati ambientali, le pene previste sono irrisorie ed in questo caso ammonterebbero ad appena 800 euro. L’udienza si è conclusa con un aggiornamento al prossimo 3 Febbraio, quando il giudice stabilirà quali costituzioni di parte civile accogliere e se accettare il patteggiamento.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. 800 euro? Meno di uno che non ha l’assicurazione? Ma scherziamo
    ? Quante persone sono morte per colpa di quei fumi

  2. Sono i comitati degli speculatori che si devono chiudere non le fabbriche.
    La fabbrica c’era prima delle case.
    E’ la fabbrica che deve essere risarcita.

  3. Ma smettetela di accanirvi contro chi da lavoro a 300 famiglie in un territorio che non offre nulla!!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.