Consiglieri comunali si fingono prostitute per denunciare l’abbandono del territorio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa

prostituta_vigili_urbani_salernoPasseggiano su un marciapiede della via Domiziana, a Castel Volturno, facendo ondeggiare le borsette. Indossano minigonna e camicetta scollata. Ai piedi portano scarpe coi tacchi alti. Ma non sono due delle numerose vittime della “tratta delle “schiave” che si prostituiscono abitualmente lungo l’arteria tra le più pericolose d’Italia. Sono due consigliere comunali del Comune di Castel Volturno che prendono parte a un particolare progetto ideato dall’amministrazione comunale per denunciare l’abbandono del territorio da parte delle istituzioni.

Le due consigliere comunali, Anastasia Petrella e Stefania Sangermano, sono diventate “esche” per una trappola che scatta ogni qualvolta si ferma un automobilista per contrattare eventualmente la prestazione sessuale.

“La domanda è: serve a qualcosa spostare le prostitute da un comune all’altro a seconda della campagna di uno o più sindaci? Oppure sarebbe ora di rivedere le leggi esistenti e realizzare nuovamente le case chiuse e la tassazione per coloro, uomini, donne, trans, che svolgono questa attività? In questo modo – spiegano Francesco Emilio Borrelli dei Verdi e Gianni Simioli della radiazza – ci sarebbero ulteriori ingressi economici per lo stato come avviene in quasi tutto il mondo, un maggiore controllo del territorio e anche sanitario e certamente non si assisterebbe allo spettacolo indecoroso di tante persone a “battere” lungo le strade. Inoltre sarebbe utile realizzare i famosi parchi dell’amore che tanto sono osteggiati dagli stessi Sindaci che poi chiedono più decoro nei comuni. Questa iniziativa deve spingerci a comprendere che è ora di riaprire una seria discussione sulla prostituzione in Italia”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Che male fanno le prostitute maggiorenni e consenzienti ed i loro clienti sulle strade, se non compiono intralcio al traffico, sporcizia e/o atti osceni sotto la vista pubblica? Basta con questa assurda “Meretriciofobia”.
    In più, affermo che le Ordinanze Sindacali ed i Regolamenti di Polizia Urbana devono essere conformi ai principi generali dell’Ordinamento, secondo i quali la prostituzione su strada non può essere vietata in maniera vasta ed indeterminata. Di conseguenza, i relativi verbali di contravvenzione possono essere impugnati in un ricorso. In più per le medesime ragioni, i primi provvedimenti suddetti non possono essere emessi per problematiche permanenti ed i secondi non possono riguardare materie di sicurezza e/o ordine pubblico.

  2. In un paese di ladri, com’è l’Italia, sembra che le prostitute siano le uniche responsabili di tutto il malaffare che ci circonda.

  3. il problema e’ quando le prostitute si vestono da consiglieri comunali che ….nessuno se ne accorge !!!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.