E ora il caso De Luca rischia di spezzare definitivamente i deboli equilibri del PD

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
De_Luca_plastico_Crescent_19_indicaVincenzo De Luca è un sindaco sospeso e per giunta a rischi decadenza. Ma la sua vicenda giudiziaria, con la condanna ad un anno per abuso d’ufficio, è destinata a produrre effetti politici tali da non poter passare sottotraccia e forse sufficienti ad accelerare l’iter parlamentare per la revisione della legge Severino. Ha ragione De Magistris quando dice che la sua storia e quella di De Luca sono diverse, ma l’analogia tr ai due casi è forte, perché le sentenze che li riguardano hanno generato un isolamento politico che non dipende da un giudizio sereno e storico sul loro operato, quanto da una via giudiziaria che non dovrebbe servire alla risoluzione dei conflitti di partito o di coalizione.

Ed invece il Partito Democratico, ad esempio, sembrava non aspettare altro per uccellare la candidatura alle primarie di Vincenzo De Luca. Ora il Pd ufficializza nei fatti un rinvio che svuota di senso la consultazione popolare e che anche agli occhi degli avversari (lo ha detto oggi Stefano Caldoro) non è più credibile. Sia chiaro De Luca da sindaco sospeso o decaduto (c’è un’altra sentenza in arrivo) potrebbe comunque candidarsi, sfidare tutti e magari pure vincere, salvo poi cadere nuovamente nelle maglie “sospensive” della legge Severino. Insomma, un’ammuina degna delle navi borboniche, con un Partito Democratico che ora vorrebbe spostare le primarie al 22 febbraio ma che non sa ancora quali candidati scegliere o, peggio, “autorizzare”.

La sensazione è che il premier Renzi, liberatosi della grana Quirinale, passi direttamente alla Campania con l’intenzione di uscire allo scoperto: imporre un proprio nome. Che poi tutto sarà, tranne che espressione di un fronte unitario. Sempre che vada così, altrimenti bisognerà discutere, trattare, ricercare soluzioni, proporre qualcosa per non fare implodere il Pd sotto il peso del caso De Luca. Nel frattempo i legali del sindaco sospeso sono già all’opera per chiedere la sospensiva della sospensione al Tar. Roba da impero bizantino, ma necessaria per restituire un minimo di agibilità politica a De Luca. Il segretario democrat campano, Assunta Tartaglione nega che siano pressing su De Luca, ma nessuno ci crede. Ed ora proverà il sottosegretario Lotti a dirimere la questione, altrimenti è probabile che ci pensi Renzi. A Salerno, nel frattempo si continua a lavorare ed il sindaco facente funzioni, Enzo Napoli, dice che sono stati messi «in mora meriti indiscussi e tangibili oltre ad un mandato elettorale affidato con la percentuale del 75%”.

Fonte LiraTv

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. PER QUESTO LA “sEVERINO” DEVE RIMANERE IN VIGORE E CAMBIATA SOLTANTO PER ESSERE ESTESA A TUTTI COLORO CHE SONO STATI CONDANNATI, DEPUTATI COMPRESO. pERCHE’ CHI NON HA FACCIA O LIMITI MORALI COME DE LUCA DEVE ESSERE FERMATO DALLA LEGGE. ALL’ESTER SI SAREBBERO DIMESSI X MOLTOOOOOO MENO ….MA QUESTO NON RICONOSCE LE GEGGI DELLO STATO(X Sè) E LA MESSO IN CONDIZIONE DI NON NUOCERE

  2. Faccio cortesemente notare che la legge Severino seppur palesemente errata(non si può impedire ad un politico di proseguire il suo mandato nella presunzione d’innocenza fino alla condanna definitiva), è stata sviluppata e promulgata ed ha un suo senso morale proprio nei confronti di un’intera classe politica italiana corrotta che negli anni ha dimostrato di avere un incredibile faccia di bronzo fregandosene altamente degli scrupoli morali,delle leggi e regolamenti in vigore anche in casi molti gravi dal punto di vista penale per cui al momento a meno d’improbabili modifiche come dicevano gli antichi latini “dura lex sed lex”………………

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.