Crollo all’istituto Nautico di Salerno: gli studenti scendono in Piazza

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Corteo_Studenti_Salerno_2Tornano a far sentire la propria voce gli studenti salernitani scesi in piazza per manifestare il loro dissenso dinanzi il Palazzo della Provincia dopo aver attraversato tutto Corso Vittorio Emanuele per tenere alta l’attenzione sull’edilizia scolastica in merito al crollo di un solaio in una classe dell’Istituto Nautico e per il Turismo “Giovanni XXIII” di Torrione. Un vero dramma sfiorato: brividi nel pensare alle conseguenze del crollo se, piuttosto che di notte, fosse accaduto durante l’orario delle lezioni. Armati metaforicamente di tende ed ombrelli per ripararsi da calcinacci e rivendicare i propri diritti e discutere di alcuni argomenti di primaria importanza come i tagli ai fondi, il trasporto pubblico, il diritto alla studio e appunto l’edilizia scolastica.

“E’ assurdo che si continui a rischiare la vita a scuola e pretendiamo risposte immediate – rimarcano da Uds – Nonostante il Governo Renzi abbia più volte dichiarato che il risanamento dell’edilizia scolastica sarebbe stato il suo cavallo di battaglia, abbiamo constatato che la sua tabella di marcia si discosta nella realtà dai tempi e dai finanziamenti previsti. I cantieri che sarebbero dovuti partire dallo scorso luglio con 1 miliardo di risorse sono invece partiti a singhiozzo e hanno a disposizione solo 748 milioni di euro” – proseguono i giovani -. “Denunciamo inoltre, ancora una volta, l’inadeguatezza dei fondi rispetto alle condizioni reali di sicurezza delle scuole. Pretendiamo un piano pluriennali straordinario di almeno 13 miliardi di euro, come stimato dalla Protezione Civile”.

Corteo_Studenti_Salerno_4 Corteo_Studenti_Salerno_1 Corteo_Studenti_Salerno_3

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. La notizia non tira?…ancora nessun commento?…eppure tanti ragazzi che si mobilitano per dire basta allo schifo in cui sono costretti a studiare dovrebbero essere non uno ma cento campanelli d’allarme sulle teste dei tanti politici coglioni e su quelle dei tanti genitori miopi e per nulla attenti alla vita dei propri figli….il crollo dell’Istituto Nautico è l’ultimo segnale inquietante dello sfascio che attraversa la scuola italiana e da’ l’esatta misura dell’attenzione che mostrano i politi pagliacci nostrani per le vicende serie….dobbiamo baciare a terra se ci sono ancora giovani e adolescenti che reagiscono ad un torpore diffuso che li attanaglia e non li mette in condizione di crescere e di programmare il futuro…..ma si tanto abbiamo de luca e i coglioni che gli si oppongono,abbiamo il prelato con il tesoro nascosto e abbiamo le marce contro le pellicce

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.