La “Vita di don Giussani” a Salerno: uno sguardo, una storia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
LIBRO_letturaSala gremita al Grand Hotel Salerno per la presentazione del libro di Alberto Savorana “Vita di don Giussani”. Incontro proposto da Comunione e Liberazione e dal Centro Culturale di Salerno “Cara beltà”. Il Rettore dell’Università di Salerno, Aurelio Tommasetti, ha tratteggiato la figura e l’opera di don Giussani educatore, riprendendo i temi caldi della proposta del fondatore di Comunione e Liberazione: il “rischio educativo”, ovvero l’esperienza cristiana offerta come ipotesi chiarificatrice dell’esperienza umana.

“L’emergenza educativa è una questione centrale nella vita della società. Perciò, è utile a tutti confrontarsi con l’insegnamento di don Giussani”. Il Presidente dell’Aeroporto di Salerno Costa d’Amalfi, Antonio Ilardi, ha ripercorso l’esperienza giovanile in Università (“Eravamo interessati a tutti ed a tutto, spesso in polemica con il mondo”), sottolineando l’incidenza dell’esperienza di coinvolgimento con il carisma di don Giussani “nell’ora presente, nell’attualità della storia personale”.

“Ho incontrato uno sguardo che mi ha cambiato la vita, afferrando, abbracciando e chiarendo il subbuglio che avevo dentro di me”, ha testimoniato don Eugenio Nembrini, Responsabile della comunità di CL a Roma. Nella sala i pannelli di una mostra dedicata a don Giussani, il banchetto dei libri con il testo del giornalista Savorana e soprattutto tanta gente, oltre i tradizionali “confini” del movimento a Salerno. Presente l’Arcivescovo di Salerno, Mons. Luigi Moretti, che ha portato il suo saluto: “Don Giussani contribuisce alla riqualificazione dell’esperienza della gioia”. Il 21 febbraio Mons. Moretti, nella cripta del Duomo di Salerno, che custodisce le spoglie dell’apostolo Matteo, celebrerà la messa nel decimo anniversario della morte di don Giussani.

Il 7 marzo tutto il movimento, con il successore di don Giussani alla guida di C.L., don Carron, sarà a Roma, in piazza san Pietro, per l’incontro con Papa Francesco, camminando insieme lungo le periferie della vita personale e della storia. “Primerea”, ha detto il presidente di “Cara beltà”, Aniello Landi, moderatore dell’incontro, è l’espressione di Papa Francesco che ben sintetizza l’esperienza del carisma di don Giussani: qualcosa in cui ci si imbatte, uno sguardo che viene prima, che sempre sorprende. Da Salerno un itinerario dentro la “teologia dello sguardo”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.