A Salerno al via “Popolo ‘e Tammurriata” VI Edizione il 6-7-8 febbraio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Il museo di civiltà contadina arte e mestieri di Luigi Aceto
Il museo di civiltà contadina arte e mestieri di Luigi Aceto

Giunge alla settima edizione Popolo ‘e Tammorriata, appuntamento oramai consolidato nel panorama della musica popolare della provincia di Salerno.

Il festival, ideato e prodotto dall’Associazione Daltrocanto, rinnova quest’anno la sua collaborazione con il laboratorio creativo diStudio Apollonia e la Bottega San Lazzaro, e incontra nuovi compagni di viaggio acquisendo il patrocinio dell’Azienda Autonoma di Soggiorno e Turismo di Salerno e il supporto, a diverso titolo, di GAL Cilsi, Pasticceria Sweet Design, Zafferano del Cilento, Terre ed Orti, Vivaio Corrado Francesco, B&b il Nespolo e Ristorante “Lucariello

“Popolo ‘e Tammurriata” è un progetto permanente che guarda alla musica popolare non solo come inestimabile patrimonio culturale da tutelare e diffondere, ma anche come concreta opportunità di lavoro per quanti, soprattutto giovani, vogliano impegnarsi nei suoi diversi settori: dall’artigianato di qualità degli strumenti tradizionali alla ricerca, dall’esecuzione musicale all’organizzazione di eventi. Inoltre, la musica popolare, che viene intesa sempre di più come un segno di identità collettiva insieme alla riscoperta delle proprie radici e tradizioni, costituisce uno straordinario veicolo di valorizzazione e promozione delle eccellenze artigianali e agro alimentari del nostro territorio.

“Popolo ‘e Tammurriata” vuole essere un’occasione di dialogo sulla musica popolare aperta a tutti gli appassionati – dai musicisti ai costruttori di strumenti; dai ricercatori agli esperti, dai “tradizionalisti” più intransigenti ai “contaminatori” più spinti, in un ideale virtuoso circolo di trasmissione di saperi fra diverse generazioni e culture.

Secondo la sua consueta formula la manifestazione si articola in tre serate: le prime due, destinate agli approfondimenti, ai dibattiti e alle esibizioni di piccoli set musicali; la terza, dedicata alla vera e propria festa popolare che avrà come protagonisti principali cantori, suonatori e ballatori tradizionali di tammorriata della provincia di Salerno insieme a quel “popolo ‘e tammorriata” essenza e destinatario reale dell’evento.

Nutrito il parterre degli ospiti che si alterneranno nelle tre serate attraversando musicalmente l’Italia dal Lazio alla Sicilia.

Venerdì 6 sarà la tradizione più pura del canto su zampogna di Biagino De Prisco a dare il via al festival, per passare poi, tra gli altri, alla chitarra battente di Maurizio Cuzzocrea, ai ritmi salentini di Carlo “Canaglia” De Pascali e al significativo progetto“Tamburo Rosso – La pelle del tamburo è l’unica che puoi percuotere” di Valentina Ferraiuolo.

Sabato 7, in apertura della serata, si parlerà di come e se le radici musicali della propria terra possano influenzare anche cammini musicali diversi da quello popolare. Ne ragioneranno e suoneranno il cantautore Roberto Billi, l’etnomusicologaFrancesca Cacciatore, il musicista Joe Petrosino, insieme alla giornalista Erminia Pellecchia e ad Antonio Giordano, presidente dell’associazione Daltrocanto.

Protagonista assoluto della seconda parte sarà l’organetto. A presentarne diversi aspetti saranno l’Orchestra Bottoni,Alessandro D’Alessandro e Eustachio Frongillo.

Domenica 8 palco libero per chi vorrà aggiungersi all’immancabile Antonio Matrone detto “O’Lione, ormai presenza fissa della manifestazione, che, con gli altri suonatori di tammorriata, darà vita alla festa conclusiva lanciando contemporaneamente l’appuntamento alla prossima edizione.

 

PROGRAMMA

6, 7, 8 febbraio 2015 dalle ore 19:00

Chiesa di Sant’Apollonia, via San Benedetto, Salerno

Ingresso libero e gratuito

 

Venerdì 6 Febbraio

Canto su Zampogna: Biagino De Prisco & Compagnia Daltrocanto

Musiche amicali digestive: Maurizio Cuzzocrea

Tamburi dal Salento: Carlo “Canaglia” de Pascali

Presentazione del libro “La chitarra battente nel Cilento: Giancarlo Siano & Rotumbé Musica Arte

“Tamburo Rosso – La pelle del tamburo è l’unica che puoi percuotere”: Valentina Ferraiuolo

 

Sabato 7 Febbraio

“Le radici della mia strada – l’influenza delle proprie tradizioni lungo cammini musicali diversi”

Incontro dibattito con

Antonio Giordano, Presidente Associazione Daltrocanto

Roberto Billi, Cantautore

Joe Petrosino, Musicista

Francesca Cacciatore, Etnomusicologa

Conduce Erminia Pellecchia, giornalista

 

Acoustic Show: Roberto Billi

Sud tutto comincia da te: Joe Petrosino

Canti dalla Grecìa Salentina:Francesca Cacciatore

Doppio flauto: Giovanni Saviello

L’organetto in Irpinia: Eustachio Frongillo

Organetto & Live Eletronics: Alessandro D’Alessandro

Presentazione dell’album “Live”: Orchestra Bottoni

 

Domenica 8 Febbraio

TAMMORRIATA FINALE

La Paranza dei Centro; ‘E Faticun; Biagino De Prisco; Salvatore De Vivo; ‘A paranza d’’o Lione; Rareca Antica Duo; Vincenzo Romano; Valeria Cimò

 

 

Info: 3287254831

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.