Cetara; lottizzazione abusiva, sequestrata nota struttura alberghiera, 5 denunce

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
sequestro_fuenti_salernoI finanzieri della Sezione Operativa Navale della Guardia di Finanza di Salerno, su delega della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno, e nell’ambito dell’intensificazione dei servizi di polizia economico finanziaria e controllo del territorio disposti dal Reparto Operativo Aeronavale di Napoli, hanno sottoposto a sequestro preventivo una nota struttura alberghiera in località “Fuenti” del Comune di Cetara (SA).

Le complesse indagini, durate diversi mesi ed articolatesi attraverso sopralluoghi sui siti di interesse, acquisizioni documentali presso il Comune di Cetara e presso gli uffici della Regione Campania, sono state svolte dai finanzieri sotto il coordinamento della Procura della Repubblica presso il Tribunale di Salerno.

Le attività hanno consentito di accertare che gli indagati, attraverso la perpetrazione di un illecito disegno criminoso, avevano dato avvio alla realizzazione di un edificio adibito ad albergo con annesse attrezzature (piscine, punti di ritrovo vari), un terrazzo solarium, aree verdi, parcheggi e strutture per la viabilità, nonché un ascensore di collegamento ricavato nella roccia, per un’estensione complessiva superiore a 10.000 metri quadri; il tutto in zona sottoposta a vincolo paesaggistico.

Tutte le opere citate si inserivano in un programma di lottizzazione abusiva volto alla realizzazione ex novo di un complesso turistico in zona di tutela silvopastorale ed idrogeologica che, secondo le previsioni normative, è assolutamente incompatibile ad ospitare strutture turistico ricettive, essendo gravata da divieto assoluto di edificabilità pubblica e privata e destinata solo alla costruzione di stradette forestali, rimboschimento, attrezzature per la zootecnia e per la lavorazione del latte.

Il meccanismo concepito dagli indagati per portare a compimento il disegno illecito è alquanto complesso ed articolato: si parte dall’attività del progettista delle opere il quale, attraverso false attestazioni, dichiarava che le opere erano conformi ad un vecchio progetto (approvato e risalente al 1968) e che le stesse ricadevano in zona turistico ricreativa; il responsabile del procedimento, a sua volta, certificando falsamente che l’opera era conforme alle prescrizioni edilizie ed urbanistiche della zona, rilasciava un permesso di costruire ed un’autorizzazione paesaggistica del tutto illegittimi.

Inoltre, cosa del tutto inedita, lo stesso pubblico funzionario provvedeva a certificare (falsamente) e rilasciare (illegittimamente) titoli riguardanti aree di territorio rientranti nella competenza di altro Comune, di fatto, usurpando funzioni pubbliche di altro Ente locale.

Le opere in corso di realizzazione non avrebbero mai potuto ricevere l’avallo di legittimità dagli organi competenti, poiché si tratta di nuove opere ricadenti in un’area ove vige il divieto assoluto di edificabilità; va sottolineato, infatti, che il complesso alberghiero ricade all’interno del Parco Regionale dei Monti Lattari, in una zona riconosciuta “patrimonio dell’Umanità” dall’UNESCO.

Attraverso tali opere, dunque, gli indagati, hanno dato all’area di riferimento una configurazione urbanistica inedita (da zona di protezione ambientale a zona ricettivo-turistica) attuando una sorta di “variante per fatti concludenti” rispetto alle originarie destinazioni di zona volute dal legislatore regionale attraverso il PUT.

Ma il disegno illecito non si limita a quanto descritto precedentemente: infatti l’amministratrice della società proprietaria della struttura aveva richiesto, per la realizzazione dell’opera, un finanziamento pubblico. Le indagini, eseguite presso i competenti uffici della Regione Campania, hanno rivelato l’istruttoria in corso per il vaglio di una richiesta di ingenti finanziamenti pubblici (quasi cinque milioni di euro), di cui la società, tuttavia, non potrà mai beneficiare grazie al blocco preventivo della procedura da parte dello stesso Ente erogatore. Da qui, dunque, la contestazione da parte del P.M. anche del reato di truffa aggravata.

Al termine delle attività di indagini, il G.I.P. presso il Tribunale di Salerno, accogliendo le tesi accusatorie avanzate dal P.M., ha disposto il provvedimento cautelare di sequestro, che ha riguardato l’intera struttura in costruzione: un albergo su due livelli per oltre 650 metri quadri, due piscine, un solarium, un punto di ristoro, pergolati vari, aree di parcheggio, strutture per la viabilità ed un ascensore di collegamento. Presso la Regione Campania, inoltre, è stata sequestrata anche tutta la documentazione relativa alla richiesta di finanziamento.

Cinque in totale gli avvisi di garanzia, notificati al progettista dell’opera, al responsabile del procedimento (tecnico comunale) ed all’amministratrice della società proprietaria dell’hotel (già citati) ai quali si aggiungono il direttore dei lavori ed il collaudatore in corso d’opera; le ipotesi di reato vanno dalla lottizzazione abusiva, all’abuso edilizio, abuso in atti d’ufficio, falso e truffa aggravata.

FOTO E COMUNICATO UFFICIALE DI GUARDIA DI FINANZA SALERNO

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Tutto da buttare giù, è completamente abusivo. Ma non vi preoccupate, poco distante c’è un suo fratellino che sta facendo gli stessi passi.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.