Porto di Salerno: Cgil-Cisl, convocazione “ Stati Generali ” al Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
porto_salerno          Con la conversione in Legge n. 164 del 11 Novembre 2014, del DL 13 Settembre 2014 n. 133 (cd Sblocca Italia), è iniziato il processo per definire il “ Piano Strategico Nazionale della Portualità e della Logistica ”, che unito alla riforma della Legge 84/94 avrà un notevole impatto sulle dinamiche che regolano il mondo della portualità a livello nazionale.

Per l’elaborazione dei presupposti e degli obiettivi della riforma, con Decreto del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti del 27 Novembre 2014, è stato costituito un Comitato scientifico di esperti che prevede la presenza di alcune associazioni datoriali (Assoporti, Assiterminal, Confitarma, Fedarlinea, Confetra) ma esclude il sindacato.

Nel mentre, come se non bastasse, la bozza di DDL “ concorrenza ” della Ministra Guidi (MISE), abroga interi articoli della Legge 84/94, facendo saltare le norme che regolano il lavoro nei porti.

Quanto sopra testimonia un modo di procedere scoordinato nel metodo e che nel merito metterebbe gli operatori del settore in piena confusione ed il lavoro in balia di una liberalizzazione senza regole.

A completare il quadro, già di per se preoccupante, l’incognita sul percorso legislativo che si intende perseguire. Nel caso infatti di emanazione di un decreto legge potrebbe essere esclusa la discussione in sede parlamentare, oltre che il coinvolgimento del Sindacato.

Oggi il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT) ha convocato gli “Stati Generali”, ovvero le associazioni datoriali, le imprese, i sindacati, le istituzioni e gli attori del settore della portualità e della logistica, per presentare i risultati del lavoro che il Comitato scientifico nominato dal Ministro Lupi ha realizzato.

Siamo quindi alla vigilia di modifiche dell’attuale assetto legislativo che per 20 anni ha regolato e governato i porti le quali possono essere positive o invece rispondere esclusivamente ad interessi politici ed economici, che siamo pronti a contrastare, non a difesa di interessi corporativi o locali ma, al contrario, a difesa e sostegno della capacità lavorativa maturata negli anni, della sicurezza dei servizi tecnico nautici, delle regole contrattuali che vedono un contratto di lavoro unico per chi opera nei porti, delle prospettive di sviluppo del territorio salernitano e dell’intero paese.

         Chiediamo pertanto ai lavoratori di essere parte attiva e consapevole di quanto sta avvenendo.

         Proponiamo ai lavoratori dipendenti delle imprese ex art. 16, 17, 18 e delle AP e di tutti i Servizi Tecnico Nautici di mobilitarsi aderendo alle nostre iniziative per far sentire la propria voce prima che si assumano decisioni unilaterali.

         Prospettiamo l’apertura dello stato di agitazione nazionale del comparto portuale e dei Servizi Tecnico Nautici.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.