Messa in sicurezza strade provinciali, firmato protocollo d’intesa tra Regione e Provincia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
frana_cilentanaIl protocollo d’intesa, sottoscritto da Caldoro e Canfora a palazzo Santa Lucia,  prevede lavori per complessivi 12,4 milioni di euro che riguardano la messa in sicurezza delle strade della Provincia di Salerno già approvati dalla Giunta Regionale. Gli interventi sono finanziati  con i fondi del Por-Fesr 2007-2013 e si aggiungono a quelli già precedentemente approvati per ulteriori 27,6 milioni di euro. L’attuazione degli interventi è completamente a carico della Provincia, sia per la progettazione  che per la realizzazione e la direzione dei lavori.

“Gli interventi di messa in sicurezza e di mitigazione del rischio idrogeologico – ha dichiarato il presidente della Provincia, Giuseppe Canfora –  riguardano le aree del Cilento e, in particolare, i Comuni di Agropoli, Vallo della Lucania, Celle di Bulgheria, Castellabate, Roccagloriosa, Torre Orsaia, Camerota, Pollica, Montecorvino Rovella, Rofrano, Stio Cilento”.

Tra gli altri interventi previsti, la ricostruzione parziale e il consolidamento strutturale dei viadotto Chiusa sulla strada a scorrimento veloce nel Comune di Agropoli.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Che dobbiamo eliminare le Province,inutili fonti di costi e ancora sento leggere questo odioso Balzello.Le Province devono essere immediatamente abolite per una riorganizzazione Amministrativa piu efficace e snella.L’Unica messa in sicurezza possibile e’ la demolizione delle Province e l’uso reale del.denaro dei contribuenti al servizio Reale della Collettivita’.Saranno.sempre.meno gli italiani che credono al trafiletto di giornale e all’intervista sulle “Cose Buone fatte dalla Provincia”.Licenziamento immediato per tutte le figure inutili dello Stato.Trovatevi un lavoro,come i tanti cittadini italiani che sbarcano il lunario con lauree,specializzazioni e Master.

  2. E poi questa è una chiara manovra di carattere elettorale della attuale giunta regionale campana di Caldoro e company per ingraziarsi i cittadini della provincia di Salerno ed in particolare quelli del Cilento e Vallo di Diano, vessati ed abbandonati per cinque anni(soppreesione tribunali,eliminazione ospedali,strade interrotte e mai riparate,etc)……………….forse credono che abbiamo ancora l’anello al naso!

  3. Questa è una chiara manovra di carattere elettorale della attuale giunta regionale campana di Caldoro e company per ingraziarsi i cittadini della provincia di Salerno ed in particolare quelli del Cilento e Vallo di Diano, vessati ed abbandonati per cinque anni(soppressione tribunali,eliminazione ospedali,strade interrotte e mai riparate,etc)……………….forse credono che abbiamo ancora l’anello al naso!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.