Ospedale Scafati, Paolino e Schiano replicano a Coscioni: “Ognuno faccia la propria parte”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
scafati_ospedale_ScarlatoIn merito alle dichiarazioni diffuse dal vice presidente della Commissione Regionale Sanità, Enrico Coscioni,il consigliere regionale, Monica Paolino replica: “Quando si entra in una fase di campagna elettorale la questione “Ospedale Scarlato” sembra ritornare all’attenzione di qualche politico. Proprio quelli che fino ad oggi non mi sembra di aver sentito e dal quale non ho mai ascoltato proposte concrete ma solo critiche all’operato altrui.

Quella stessa categoria di politici che non ha mai sostenuto neanche le vicende sulle quali la Regione aveva potere come fondi PIU EUROPA o il PIP sui quali temi stiamo lavorando in queste ore. Il consiglio regionale si è insediato in una fase commissariale della Sanità e la stessa, ad oggi, non è ancora stata superata. Solo quando questo si verificherà e con un nuovo piano ospedaliero, potremmo superare quanto previsto per il Mauro Scarlato dal decreto 49 e rientrare nel piano dell’emergenza.

Noi abbiamo fatto la nostra battaglia: abbiamo ragionato con l’ARSAN, con la quale abbiamo visitato l’Ospedale di S. Angelo dei Lombardi (ottimo centro riabilitativo cardiorespiratorio, neurologico e ortopedico affiancato da una importante struttura ospedaliera con un Pronto Soccorso, radiologia, chirurgia, laboratorio analisi, e terapia intensiva, caratteristiche che lo inseriscono nella rete dell’emergenza), per verificarne la riproducibilità a Scafati; abbiamo chiarito con forza che l’emergenza nell’Agro senza un pronto soccorso non potrà mai funzionare; siamo consapevoli che è solo con il nuovo decreto che si definirà il nuovo assetto del piano ospedaliero in Campania.

Altri atti quelli che ci vengono suggeriti dalla politica dell’apparenza, quelli  prodotti in consiglio comunale o in Regione dalla Commissione Sanità fino ad arrivare ai tavoli tecnici, sono serviti solo a mantenere alta l’attenzione verso questo tema ma non sono stati né saranno assolutamente determinanti al fine della riapertura dell’Ospedale di Scafati. La battaglia di queste ore va condotta sulla gestione commissariale in capo alla quale c’è la bozza del nuovo piano ospedaliero e sul Governo che, attraverso la GENAS dovrà poi esprimersi sulla stessa. L’auspicio è che sulla Sanità e sull’ospedale ognuno faccia la propria parte senza strumentalizzazioni”.

Il Presidente della V Commissione Sanità della Regione Campania, Michele Schiano: “Sono sicuro che Enrico Coscioni conosca bene i fatti e sappia che è stato il centrosinistra a sfasciare la Sanità in Campania. Nell’azione del Governo Caldoro per quanto riguarda la Sanità c’è Scafati e il suo reinserimento nella rete dell’emergenza. Capisco che siamo in campagna elettorale ma le bugie da lui pronunciate sono davvero troppe!”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.