Tumori: per 80% pazienti nuova arma immunoterapia è efficace

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
embrioni_salerno_scambio_analisi_medici_virusSi è aperta ”una nuova era nel trattamento dei tumori che sta modificando le aspettative di sopravvivenza: ciò grazie all’immunoterapia, la cura che utilizza il sistema immunitario per combattere le cellule tumorali, un approccio ritenuto efficace dall’80% dei pazienti”.

Ad affermarlo sono gli esperti dell’Associazione italiana di oncologia medica (Aiom), riuniti a Roma in un convegno per fare il punto sull’avanzamento di questo nuovo settore nella lotta ai tumori.

Il melanoma ha rappresentato il modello per la prima applicazione dei farmaci immunoterapici ed oggi la molecola già in uso ipilimumab ha dimostrato di migliorare la sopravvivenza a lungo termine nel melanoma in fase avanzata, tanto che nel 20% dei pazienti rende la malattia cronica, con sopravvivenza a dieci anni dalla diagnosi.

Ora questo approccio che gli oncologi definiscono ”rivoluzionario” si sta estendendo a molti tipi di tumore, come quelli del polmone e del rene, con risultati soddisfacenti e in alcuni casi ”superiori” alla chemioterapia. E i pazienti conoscono l’importanza della nuova arma: infatti oltre il 90% dei pazienti con melanoma in trattamento dà una definizione appropriata di farmaco immuno-oncologico e l”80% ritiene che queste terapie siano efficaci e più tollerate rispetto agli altri trattamenti anti-cancro, mentre il 98% è consapevole che possano presentare effetti collaterali, ma diversi dalla chemioterapia.

A dirlo sono i risultati di un sondaggio promosso dall’Aiom tra pazienti e medici. “Grazie al suo meccanismo d’azione, questo approccio terapeutico innovativo riesce a limitare e fermare la malattia per un lungo periodo – spiega il presidente Aiom Carmine Pinto -. Oggi il 70% degli oncologi utilizza l’immunoterapia nella cura del melanoma e grazie allo sviluppo di questi farmaci nei prossimi cinque anni si otterrà un miglioramento significativo nel trattamento di molti tumori e nella sopravvivenza dei pazienti. Siamo di fronte – conclude – a un approccio rivoluzionario nel trattare il cancro, che si affianca a quelli tradizionali della chirurgia, radioterapia e chemioterapia”.

Fonte ANSA

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.