Bimba morta a Napoli: Cisl Medici, assistenza a rischio

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
2
Stampa
Ospedale_Pronto_Soccorso”L’episodio della neonata morta su di un’ambulanza in viaggio tra Catania e Ragusa e quello della piccola dimessa dal Santobono – senza entrare nel merito dei fatti di cronaca – sono un chiaro indice della destrutturazione della sanità italiana che viaggia spedita verso una situazione più che critica nonostante l’impegno di medici, infermieri ed altri operatori”. E’ quanto dice Roberto D’Angelo, segretario provinciale di Napoli della Cisl Medici.

“La Campania ne è un esempio – aggiunge D’Angelo – quello che nessuno dice è che la Campania, nonostante il pareggio di bilancio come tutte le Regioni soggette a piano di rientro dal deficit è stata il laboratorio di sperimentazione di questa destrutturazione in ragione di tagli che hanno falcidiato l’assistenza sanitaria e solo la Provvidenza ha evitato finora episodi simili a quello siciliano. Basta ricordare quanto è accaduto nell’inverno 2012-2013, durante il trasporto in ambulanza di una donna gravida pre-termine presso una Terapia intensiva neonatale (Tin) della provincia di Salerno l’ambulanza si guastò sull’autostrada.

Tutto questo per dire che l’inscindibilità del binomio Maternità-Tin ribadita dal ministro Lorenzin a caldo è confortata non solo dalle linee guida scientifiche internazionali ma era stata enunciata in modo inequivocabile anche dalla struttura commissariale regionale sin dal 2011”. ”Salvo poi – aggiunge D’Angelo – programmare in maniera diametralmente opposta con la chiusura anche di questo presidio del centro storico per accordi e statuizioni risalenti tra Asl Napoli 1 e azienda Santobono”.

Mentre nell’area centro-occidentale, infatti, percorrendo 17 chilometri dal Santobono si incontrano tre reparti di pediatria (Fatebenefratelli, San Paolo e Santa Maria delle Grazie di Pozzuoli), nell’area orientale, con una popolazione residente che in un raggio di 10 km dal nuovo ospedale del Mare (che anch’esso, pare, ne sarà sprovvisto) pareggia quella dell’intera Basilicata, bisogna percorrerne il doppio della distanza per trovare i primi reparti di pediatria (Santa Maria della Pietà di Nola o Boscotrecase).

Si consideri anche che l’Ospedale Santobono si trova in un’area cittadina ad elevata densità di traffico e per raggiungere il quale dall’area orientale bisogna percorrere la Tangenziale” ”Allo stato – si evidenzia – la riorganizzazione della rete ospedaliera regionale in fieri, rivista dopo la sostanziale inattuazione del piano del 2010, non pone rimedio a questa situazione. Manca un’adeguata previsione delle Tin in rapporto ai cosiddetti Punti nascita e ciò rende pericoloso partorire in Campania. Non si capisce perché la Tin deve restare al Santobono – dove non c’é ostetricia – e deve mancare ad esempio al Loreto Mare, dove invece l’Ostetricia c’è”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

2 COMMENTI

  1. Questa è la sanità risanata del nostro damigello Caldoro! e nessun commento tanto non interessa nessuno, pensiamo solo a De luca!

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.