Lavoro, Cgil: “No alla chiusura della direzione provinciale di Salerno”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
bandiera_cgil«È impensabile che per una provincia come quella di Salerno, con oltre 150 Comuni, le ispezioni ed i controlli possano essere “eterodiretti” dall’Agenzia accentrata e ubicata su Napoli». A dirlo il segretario confederale Cgil Salerno, Arturo Sessa, in merito alla decisione sull’agenzia unica ispettiva e alla soppressione delle direzioni provinciali del Lavoro. «La Cgil a tutti i suoi livelli – si legge nella nota – non può che non giudicare positivamente il rinvio di ogni decisione circa i termini e le modalità di come procedere alla realizzazione e alla istituzione dell’Agenzia Unica Ispettiva. Non siamo contrari all’idea di realizzare la razionalizzazione delle risorse ‘ispettivè per meglio combattere in modo organizzato ed efficace tutte le illegalità sui luoghi di lavoro. Bene, quindi, l’unificazione delle varie professionalità ispettive provenienti dalle varie esperienze, ma a condizione che gli Uffici del territorio, quindi le DPL (Direzione Provinciale del Lavoro), non vengano smantellate. Questa ipotesi minerebbe l’obiettivo principale di rendere il sistema delle ispezioni più pregnante ed efficace».

«Questo scempio – rimarca Sessa – verrebbe ad aggiungersi alle chiusure dei Tribunali e sedi distaccate, sedi Inps, e dell’Agenzia delle Entrate, di commissariati di polizia e perfino degli uffici postali. Non si combatte così la lotta al lavoro nero, al caporalato, alla illegalità sui luoghi di lavoro e all’evasione contributiva e fiscale. Lo Stato, quello efficiente, non può e non deve abbandonare il territorio. Non presidiare il territorio potrà significare l’ulteriore dilagare del fenomeno dell’illegalità diffusa e del non rispetto delle regole. Abbiamo bisogno invece di uno Stato che con la propria presenza e articolazione garantisca i deboli e sia forte con i forti. Il ministro Poletti ascolti i lavoratori e le organizzazioni sindacali. A tal fine rivolgiamo un accorato appello alle istituzione, alle autorità locali, ai deputati e ai sindaci del territorio affinché le DPL non vengano soppresse. Noi ribadiremo il nostro no alla chiusura della DPL di Salerno».
Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.