Ritorna Quelli che la danza con 13 spettacoli in 3 teatri realizzati con il sostegno del Teatro Pubblico Campano

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
Passo_di_danzaRitorna Quelli che la danza/Raid nel 2015 a Salerno, Nocera, e Mercato San Severino, con un cartellone di rappresentazioni coreutiche che a partire da quest’anno trova sostegno nel Teatro Pubblico Campano diretto da Alfredo Balsamo. La kermesse è stata presentata, questa mattina, nella sala-conferenze della libreria Feltrinelli, su Corso Vittorio Emanuele, a Salerno.  13 spettacoli per chi riconosce nel linguaggio coreografico un vero fluido che pervade, in modo più o meno invisibile, i canoni espressivi della società contemporanea. La sensibilità sempre più multidisciplinare, l’internazionalità delle esperienze culturali, dalla ricerca artistica alla comunicazione, tutto questo trova corpo e vita nella danza. Da quattro anni, la kermesse identifica le attività di danza promosse e distribuite nella Regione Campania.

Con il 2015, al fine di rendere più forte il rapporto  fra le discipline della danza e della musica con il territorio, ed in linea con la costituzione dei licei coreografici e musicali, il Mibact ha promosso la costituzione dei Circuiti regionali multidisciplinari. A Salerno, questo connubio è rappresentato dalla collaborazione con la sezione coreutica del Liceo “Alfano I”, nella persona della dirigente scolastica, Elisabetta Barone. Il Teatro pubblico campano ha aderito a questo percorso prefiggendosi di incrementare, attraverso la rete territoriale  dei comuni associati, la programmazione di spettacoli coreutici e musicali e recuperando quelle attività  meritorie  oggetto del lavoro del Circuito Campano della danza che a partire da quest’anno si proporrà in un ruolo di consulenza. Con Quelli che la Danza, si intende confermare la formula della piattaforma incontro e confronto, un occasione unica per giovani coreografi e giovani compagnie. Il costo dei biglietti e degli abbonamenti, assolutamente  contenuto, aiuteranno a consentire la più ampia partecipazione di pubblico sopra tutto giovanile. Si riconferma inoltre la partnership con Raid Festival, rete di giovani compagnie, che stimolano presso i più giovani attività partecipative di laboratorio. La rassegna, a cura di Mario Crasto de Stefano, e del danzatore e coreografo Claudio Malangone, (Raid festival) prenderà il via il 28 Febbraio e andrà avanti fino al mese di Maggio.

Da sempre la danza costituisce un grande attrattore – ha dichiarato Mario Crasto De Stefano – basta pensare a tutti gli spot pubblicitari che passano per la danza. Il nostro è un invito, una chiamata alle arti. Quelli che la danza è un villaggio in cui le compagnie si muovono, viaggiando da un teatro all’altro. C’è spazio per compagini altamente professionali ma anche per piccoli corpi di ballo, all’insegna della partecipazione condivisa. Perciò proponiamo costi simbolici, abbattendo gli ostacoli economici. Non tutti sono fatti per danzare ma a tutti deve essere consentito di sviluppare una conoscenza in merito: l’Italia, d’altronde, è la patria del balletto ed è importante dare l’opportunità di esprimere un parere estetico, distinguendo tra i vari stili.

Si prevede la partecipazione di compagnie provenienti da tutt’Italia; è attesa inoltre la presenza di un corpo di ballo giapponese. Il programma prevede spettacoli in tre teatri della nostra provincia: l’auditorium del Centro Sociale di Salerno, dove andranno in scena 6 spettacoli, il Teatro Comunale di Mercato San Severino, dove ne sono previsti altri 4 e il Teatro Diana, a Nocera Inferiore, che proporrà altre tre rappresentazioni. L’edizione 2015 aprirà, sabato (ore 21) presso il Centro Sociale di Salerno in via Vestuti, con “Aesthetica”, la nuova produzione della Compagnia Körper, su coreografie di Gennaro Cimmino e Gennaro Maione. Si tratta di un progetto a più mani sul nuovo modo di abitare il corpo nella quotidianità, per andare a sviluppare dei percorsi coreografici fatti di incontri, dialoghi, lotte e abbandoni.

Nella società dell’immagine – ha spiegato Gennaro Cimmino – si vive adesso sottoposti ad un casting continuo. Fissiamo il riflesso del nostro corpo sullo schermo poi clicchiamo sul tasto e il riflesso si dissolve in un’altra immagine, in un altro corpo e poi in un altro ancora.

Anche quest’anno, la sezione Raid, diretta da Claudio Malangone e organizzata da Maria Teresa Scarpa, prevede importanti momenti di laboratorio con workshop a cura di alcuni dei coreografi che presenteranno i loro lavori in rassegna. I docenti delle masterclass sono: Ricky Bonavita (venerdi 6 marzo); Mamoru Sakata (venerdi 10 Aprile); Elisa Barucchieri ( venerdi 17 aprile); Loredana Parrella (Giovedì 7 maggio) e Patrizia De Bari (giovedi 21 maggio). Quest’anno, si terrà, inoltre, la 1^ edizione del Premio Raid che , il 6 marzo, verrà assegnato a 3 personalità distintesi nell’ambito della scena coreutica salernitana.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.