Primarie Campania: al voto tra veleni e polemiche. De Luca diserta incontro a Napoli 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
primarie_pd_elezioniAttesa per le primarie del centrosinistra in Campania. Sono 606 i seggi aperti sul territorio regionale domenica 1 marzo dalle 8 alle 20, con la presenza di oltre 3600 volontari. I risultati sono attesi ”nel corso della notte”, dicono fonti del Pd. Tre i candidati rimasti in corsa, dopo l’ abbandonodi Gennaro Migliore e quello, maturato nel corso della notte, di Nello Di Nardo: l’ ex sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, l’ eurodeputato Andrea Cozzolino, ed il socialista Marco Di Lello. “Si vota in un clima avvelenato, effetto di una strategia delle tensione alimentata da autorevoli esponenti del nostro partito – ha ammesso il segretario regionale del Pd Campano, Assunta Tartaglione in una conferenza stampa – siamo consapevoli che le primarie debbono essere rimodulate e riformate, ma vogliamo lasciarci le polemiche alle spalle e puntiamo a fare del voto di domenica una festa di partecipazione democratica”. All’ incontro con la stampa non si è presentato De Luca, che in una lettera, ha parlato di “impegni concordati precedentemente” ed ha fatto appello ad “etica, correttezza, e rispetto delle regole”.

Chiediamo ai militanti ed ai dirigenti del partito una prova di maturità – ha detto il segretario del Pd, Assunta Tartaglione – non siamo il Viminale e non abbiamo la polizia per poter eseguire i controlli, ma cercheremo di assicurare uno svolgimento sereno delle primarie”. Alla Direzione nazionale del partito è stato chiesto l’ invio di osservatori nei 606 seggi, in ciascuno dei quali, lavoreranno 3 addetti oltre ai rappresentati dei tre candidati. Per la Tartaglione “la scelta di Gennaro Migliore e di Nello di Nardo (Idv) è legittima, ma dispiace perchè avrebbero assicurato un grosso contributo”. Per Di Lello “le primarie non meritano le offese ricevute e la disinformazione subita”. “Ho lavorato per una candidatura unitaria – ha detto il deputato del Psi – ma non ci siamo riuscito, ora l’ unica possibilità è dare la parola agli elettori”. Alle polemiche su presunti accordi trasversali che coinvolgerebbero l’ex parlamentare di Forza Italia Nicola Cosentino e la criminalità organizzata, ha risposto Andrea Cozzolino. “C’ è stato un confronto aspro nel partito, ma è sbagliato pensare che si potesse trasferire fuori dalle urne. E’ stata una battaglia politica. La destra e la camorra non c’ entrano”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Speriamo che domani si concluda questa farsa e si metta un punto definitivo.
    Festa della democrazia, quale?
    Il regista da Roma che ha fatto finta di non intervenire, ha svolto bene il suo ruolo, la battaglia e’ tra Cozzolino e De Luca, i ritiri, tutti strumentali, sono una chiara e netta strategia.
    Non ci vuole la sfera magica per capire come andra’ a finire, i voti sono stati tutti dirottati su Cozzolino, e’ chiaro.
    E questa querelle ha dimostrato che le primarie sono inutili e si prestano a tutte le manovrine o momenti creativi (citazione dell’emerito, che ben conosce), hanno voglia di fare tutti i controlli che dicono di mettere in campo.
    L’unico vincitore e’ Renzi.

  2. Mi stavo preoccupando e mi domandavo: Che fine ha fatto Rita? ma come! è trscorso il venerdì senza una sua presenza! vuoi vedere che è in via di guarigione! avrà un padre, una madre, dei fratelli, magari un marito, dei figli, dei nipoti, degli affini, degli hobby, degli amici, delle passioni, che riescano a farla guarire? Imperversa dalle prime luci dell’ alba fino a notte fonda su queste pagine! ci saranno dei motivi di carattere esistenziale?

  3. Analisi inappuntabile. Il Borgomastro salernitano non gode più delle simpatie del gruppo dirigente del PD e se dovesse perdere le primarie sarebbe la sua fine, per questo si agita ed agita lo spettro dei brogli. Complimenti per le analisi sempre attente e, purtroppo, realistiche.

  4. per Pinco, grazie.
    per finalmente, caro Vincenzo o emerito, e’ inutile che scrivi con pseudomini, il tono arrogante e offensivo e’ palese.
    Vuoi far tacere chi ti critica ma e’ tutto inutile, la gente sta prendendo coscienza e si sta svegliando dal lungo oblio in cui l’hai fatta stare fino ad oggi.

  5. De Luca : 12.434 voti
    Cozzolino: 432
    Di Lello: 58
    le primarie non contano niente, ma cmq a Salerno solo una persona su 30 non voterà De Luca. Però per vincere deve convincere i napoletani e li sarà veramente dura

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.