Al via le escursioni costiere targate Lega Navale Salerno, primo appuntamento l’8 marzo

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Trakking“Vista mare”, è questo il titolo dato al primo ciclo di escursioni costiere organizzato dalla Lega Navale Italiana – sezione Salerno che partirà il prossimo 8 marzo. Sei le passeggiate collettive, adatte a tutti e di tutte le età, pensate fino a maggio al fine di “aggregare le persone con lo scopo di avvicinarle al mare – ha affermato il presidente del sodalizio marittimo salernitano Fabrizio Marotta – anche se il mare lo si vedrà da lontano, da prospettive privilegiate immerse nella natura”. A illustrare l’iniziativa, venerdì sera presso la sede della Lega Navale di Salerno, è stato uno storico socio anche appassionato di trekking e iscritto al Cai,  Riccardo Paolo Aiello, che guiderà gli escursionisti in tutti gli appuntamenti previsti fino a primavera inoltrata.

Si parte il prossimo 8 marzo dal Sentiero degli Dei sui Monti Lattari; il 22 marzo sarà la volta di Punta Campanella; il 6 aprile si ammirerà la città da monte San Liberatore. Il 19 aprile le possibilità saranno due: monte Bulgheria o circuito dei Tre calli; per l’escursione del 3 maggio  è stata scelta la Baia di Jeranto, per quella del 17 maggio Baia Infreschi. In allegato le schede tecniche di ogni escursione con relativi consigli sull’equipaggiamento necessario. La partecipazione ad ogni escursione è totalmente gratuita, previa prenotazione presso la sede della Lega Navale di Salerno.

“Vista mare” – Programma escursioni costiere – anno 2015

 C = circuito / T = traversata / AR = percorso andata e ritorno

 

8 marzo – Sentiero degli Dei – (Monti Lattari)

AR – Percorso: Bomerano di Agerola (630 m) grotta del biscotto, sentiero CAI n. 27, li Cannati, Nocelle (434 m); distanza di sola andata: 4.7 km + 4.7; dislivello: 200 m; durata: 3:30 ore + 3:30 per il ritorno; difficoltà: E

Partenza: ore 8:00 da via Ligea parcheggio BLUES Cafè (in alternativa si può considerare di scendere a Positano da Arienzo – 1500gradini per km 1.2+1.5km fino a Positano via SS 163)

 

22 marzo – Punta Campanella

C-Percorso: Termini – Punta Campanella – Monte San Costanzo – Termini

Distanza: 9.5 km; dislivello: 450 m; durata: 6.30 ore; difficoltà: E/EE

Partenza: ore 8:00 da via Ligea parcheggio BLUES Cafè

 

6 aprile (lunedi in albis) – San Liberatore

AR -Percorso: Salerno sede sociale – via Lungomare – via Duomo – via Trotula de Ruggiero – scaloni S. Anna – via De Renzi – Canalone – Casino – Croce Saragnano – Valle San  Liberatore – Croce e ritorno;

distanza: 6+6 m; dislivello:466; durata:4 + 3.30 ore; difficoltà: T/E

Partenza:ore 8:00 dalla sede sociale

 

19 aprile – Circuito dei Tre Calli

C – Percorso: Bomerano – Paipo – Capo Muro – Monte Calabrice – Cresta e cima monte

Tre Calli – punta Paipo Distanza: 6 km; dislivello: 400 m; durata: 4 ore; difficoltà: E

Partenza: ore 8:00 da via Ligea parcheggio BLUES Cafè

 

19 aprile (in alternativa) – Monte Bulgheria

C – Percorso: Poderia (200mt) – cresta e cima del monte Bulgheria (1226 mt); distanza: 16 km; dislivello: 1000 m; durata: 9 ore; difficoltà: EE

Partenza: ore 8:00 da via Ligea parcheggio BLUES Cafè

 

3 maggio – Baia di Jeranto

AR – Percorso: Nerano – Baia di Jeranto – Torre di Mont’Alto e ritorno; distanza: 3 km + 3; dislivello: 150 m; durata: 4 ore; difficoltà: T

Partenza: ore 8:00 dal via Ligea parcheggio BLUES Cafè

 

17 maggio – Baia Infreschi 

 

A seguire (o da rimodulare):

– Sentiero delle Ferriere

– Capri monte Solaro sentiero dei fortini

– Monte Miletto

– Monte Somma- Vesuvio

– Santa Maria a Castello – Monte Comune

– Amalfi Torre dello Zirro

 

LEGENDA. Ogni escursione è contraddistinta da un grado di difficoltà, che dipende da diversi fattori:

T = Percorso turistico: itinerari con percorsi non lunghi, che si svolgono su sentiero, stradine o mulattiere, a quote medio basse, che non pongono problemi di orientamento. Si richiede un minimo di allenamento alla camminata.

E = Percorso escursionistico: itinerari con percorsi di solito segnalati, in terreno vario, con

dislivelli e tempi che possono essere anche di notevole impegno. Richiedono un certo senso di

orientamento e conoscenza del terreno montano. Allenamento alla camminata e equipaggiamento

EE = Percorso per escursionisti esperti: itinerari con tratti anche senza sentiero che possono

comportare anche passaggi attrezzati o comunque difficili con lunghezza e dislivello anche notevoli che

implicano una capacità di muoversi su terreni particolari. Necessitano esperienza di montagna,

equipaggiamento, attrezzatura e preparazione fisica adeguata.

EEA = Percorso per escursionisti esperti con attrezzatura: con tale sigla si indicano itinerari con difficoltà tecniche come percorsi attrezzati o vie ferrate  che richiedono, da parte dell’escursionista, l’uso del casco e dei dispositivi di autoassicurazione quali moschettoni, dissipatore, imbragatura, cordini).

EEAG = Percorso per escursionisti esperti con attrezzatura da ghiaccio: caratteristiche simili al precedente ma con utilizzo di attrezzature da ghiaccio (ramponi, piccozza, corda ecc.) oltre alla conoscenza delle relative manovre di assicurazione.

E’ obbligatorio essere equipaggiati in maniera idonea, in particolare per quanto riguarda le scarpe, che devono essere adatte all’attività di escursionismo trekking naturalistico. Attrezzatura di base obbligatoria: scarpe da trekking, comode da camminare su sentieri rocciosi o in terra, disporre di uno zaino da escursione. Nello zaino (a secondo della stagione) bisogna avere a disposizione i vari indumenti che il partecipante ritiene necessario; si consiglia: un maglione o pile, una giacca a vento impermeabile, un copricapo, guanti, pila tascabile, bicchiere di vetro, coltello, acqua per bere e colazione a sacco.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. Chi più dei componenti dell Lega Navale potessero ideare passeggiate per vedere il mare da lontano,avranno dedotto che vedendo il mare negli ultimi decenni sempre peggiorare,più opportuno è farlo vedere da lontano.Ma come tutte le associazioni marinare,sempre in conflitto di interesse,mai si scagliano contro chi inquina,ne contro chi è preposto alla salvaguardia del nostro litorale.Attività di facciata non per questo meno interessanti,ma gradiremmo da chi vive di più il mare un impegno più forte contro chi deturpa le nostre coste,ad iniziare dalla spiaggia di Santa Teresa in Salerno.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.