De Luca, la legge Severino e il rischio sospensione. Giuristi divisi

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
5
Stampa
De Luca_tg_comDibattito aperto sul futuro di Vincenzo De Luca se dovesse essere eletto governatore della Campania. C’è chi ritiene che sarà sospeso e chi no. Diversità di opinioni sugli effetti della legge Severino sul vincitore delle primarie in Campania, che se anche perdesse le elezioni, un posto in Consiglio regionale dovrebbe averlo senz’altro. A quel punto, governatore o consigliere, che succederà per effetto della condanna in primo grado per abuso d’ufficio e della legge sull’incandidabilità che porta il nome dell’ex guardasigilli?

C’è chi ritiene, come l’amministrativista Gianluigi Pellegrino, che “scatterà la sospensione per 18 mesi”. E chi è più prudente come il costituzionalista Gino Scaccia, convinto che ci sia uno spazio non ancora del tutto definito sul piano del diritto. Pellegrino rimanda all’articolo 8 della norma e spiega quella che è un’apparente incongruenza, cioè che la Severino consenta di candidarsi in caso di condanna non definitiva, salvo disporre poi la sospensione in caso di elezione: “La norma abbina a sentenze definitive misure definitive; e a sentenze provvisorie misure provvisorie.

L’incandidabilità è sempre conseguenza di una condanna definitiva, mentre la sospensione è una misura provvisoria per sentenze non definitive. La legge in questo senso è coerente, era pensata come un deterrente. L’incoerenza è dei partiti, che prima, sull’onda degli scandali, hanno votato la norma e ora non dovrebbero consentire le candidature di chi poi incorre nelle sanzioni della Severino”. Sono convinto che “si stia agitando un problema politico, con qualche imbarazzo nel Pd, che a suo tempo sostenne la Severino, ma dal punto di vista giuridico la questione è molto aperta e tutt’altro che definita”, afferma invece Scaccia.

Su un punto, i due giuristi concordano, trovando riscontro del resto in quanto il diretto interessato ha già annunciato: se sospeso, De Luca ricorrerà al Tar. Quanto basta per ribaltare nei fatti la situazione, fa notare Scaccia, perché a quel punto “è assai probabile che De Luca si vedrà reintegrato dal Tar” come governatore o consigliere, come è successo pochi mesi fa anche al sindaco di Napoli De Magistris.

“In quella sede, tra l’altro, i giudici amministrativi potrebbero inviare gli atti alla Consulta” come è accaduto anche nella vicenda De Magistris. Ed ecco l’altro fronte aperto.

“Sulla legge Severino – ricorda Scaccia – pendono ancora molte importanti decisioni. Si attende infatti di conoscere la pronuncia della Corte di Strasburgo a seguito del ricorso promosso dai legali di Silvio Berlusconi; e la pronuncia della Corte Costituzionale per la questione sollevata dal Tar Campania nell’ambito del caso De Magistris. Uno dei punti centrali su cui dovranno esprimersi e fare chiarezza riguarda il nodo della retroattività della legge e la possibilità di applicarla quando ci sono condanne penali relative a fatti compiuti prima della sua entrata in vigore”.

 LE GRANE GIUDIZIARIE- De Luca è stato condannato il 21 gennaio, in primo grado, per abuso d’ufficio in relazione alla nomina di un project manager per il progetto del termovalorizzatore salernitano. “Condanna demenziale, per aver usato l’espressione project manager invece di coordinatore”, è stato il commento dell’ex sindaco di Salerno.  Quella condanna comunque farebbe scattare la sospensione di De Luca dalla carica di governatore, in caso di elezione, per effetto della legge Severino: ipotesi che De Luca conta di scongiurare – se non intervenissero nel frattempo modifiche della legge o decisioni della Consulta – con un ricorso al Tar, organo che già lo aveva reintegrato nel ruolo di sindaco a gennaio.

 Ancora in corso, infine, il processo che vede De Luca imputato con altre 21 persone per presunte irregolarità nella realizzazione del Crescent, il complesso urbanistico che sorge sul lungomare progettato dall’architetto catalano Riccardo Bofill. I reati contestati vanno dal falso ideologico all’abuso d’ufficio. 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

5 COMMENTI

  1. Ok hai vinto .però la storia dice che a palazzo s.lucia un salernitano manca da molto molto tempo ….quindi Napoli è Napoli non è come fare il sindaco a Salerno nel paesello …auguri

  2. Per anonimo, infatti siete un altra razza restii al rispetto delle regole, ma questo lui lo sa.comunque orgogliosi di vivere nel paesello che non cambierei mai per Napoli chehaime’ vive solo di storia passata.

  3. ma non è un autogoal incredibile parlare della legge Severino da applicare al sindaco di Salerno e poi parlare di rispetto delle regole? Il sindaco ha appena detto che la legge (una regola) è demenziale, dov’è il rispetto?

  4. E’ sempre più evidente che con la “scusa” della rottamazione/rinnovamento(rischiando in diverse circostanze il ridicolo) si è perso il lume democratico che è nel dna del pd assomigliante sempre più a una dittatura che all’espressione dei cittadini , è vero i cambiamenti non sono sempre indolore ma non si può essere “contro ” per partito preso anche davanti all’evidenza, il rinnovamento deve essere fatto a 360 gradi cercando possibilmente di non “dimenticarsi” per quanto possibile i punti reputati meno importanti.

  5. che la regione, come la provincia, così come concepita non ha ragione di esistere, fa solo danni. La Campania, ridotta in questo stato, ha con de luca (sic!) la sua ultima possibilità.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.