Primarie Campania: finito scrutinio, vince De Luca con 50,7%

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
4
Stampa
DELUCA_VOTO2Adesso lo dicono anche i dati ufficiali: Vincenzo De Luca (Pd) ha vinto le primarie del centrosinistra in Campania con il 50,7% dei voti (77.289 in tutto) e sarà il candidato alla presidenza della Regione Campania.

Andrea Cozzolino, anche lui del Pd, con 66.772 preferenze ha ottenuto il 43,8%. Al candidato socialista Marco Di Lello sono andati 8329 voti (5,5%). I votanti sono stati in tutto 152.769; 379 le schede nulle. I dati sono stati certificati oggi dalla commissione per le primarie.

L’ANALISI DEI DATI. Analizzando il voto nel dettaglio, De Luca ha la meglio nelle province di Salerno, Caserta e Avellino, mentre Cozzolino prevale nelle province di Napoli e Benevento. A Salerno il divario maggiore a favore di De Luca (+19.427 voti) che prevale meno nettamente anche ad Avellino (+ 1000 voti) e Caserta (+811). Cozzolino riporta un buon risultato a Benevento (+5.994) e supera De Luca anche a Napoli (+4727).

LA RIFLESSIONE DI COZZOLINO.  L’eurodeputato del Pd Andrea Cozzolino riconosce la vittoria di Vincenzo De Luca alle primarie campane del centrosinistra alla luce della convalida dei voti, ma pone all’attenzione del Pd una serie di problemi. ”La nostra vittoria – spiega in una nota – è netta e schiacciante coprendo i 4/5 della Regione, mentre a Salerno città c’è stato il trionfo del suo leader. E’ evidente che si pone un primo grande problema politico: la leadership uscita dalle primarie.

“E’ stata una grande Domenica democratica. Ha vinto la Campania” sottolinea Cozzolino. ”I fatti – spiega l’eurodeputato del Pd analizzando il voto delle varie province – sono, quindi, che a Napoli e provincia abbiamo vinto in maniera netta su un avversario molto forte, sostenuto da pezzi importanti del Pd. A Benevento e provincia la nostra affermazione è stata altrettanto netta. A Caserta ed Avellino ha prevalso De Luca di poco. Quindi, la nostra vittoria, sommando i risultati dei quattro capoluoghi e delle loro province, è netta e schiacciante coprendo i 4/5 della Regione, e attestandosi intorno ai 9000 voti a nostro favore. Invece, a Salerno città c’è stato il trionfo, ampiamente prevedibile, del suo leader. In provincia di Salerno c’è ancora un affermazione di De Luca netta ma proporzionalmente più contenuta.

E’ evidente che si pone un primo grande problema politico: la leadership uscita dalle primarie resta fortemente territoriale. Sta a chi ha vinto saper affrontare e risolvere questo punto”. Cozzolino rivendica la scelta delle primarie ostacolata da pezzi importanti del partito campano: “Sul piano politico – osserva – non è mai esistita una strada diversa da questa, anche per responsabilità di chi da una parte annunciava l’unità mentre dall’altra praticava una politica di veti impedendo nei fatti il raggiungimento di un processo unitario. Le grandi personalità in corsa alle primarie sono quelle intorno alle quali c’è il maggior consenso tra i cittadini. Piaccia o meno questa è la realtà”.

Richiama infine l’attenzione sulla presenza di altre quattro grandi questioni: la crisi del gruppo dirigente campano del Pd; il programma, le alleanze, la questione giuridica che riguarda De Luca con la spada di Damocle della Legge Severino. ”La prima – elenca – è l’evidente crisi del gruppo dirigente del Pd campano. La stragrande maggioranza domenica è stata a casa dopo aver condotto una inconcludente battaglia contro le primarie, una minoranza ha sostenuto De Luca.

Chi ha vinto saprà dare nuova linfa al Pd? La nostra opinione è che senza un grande, unito e forte Pd non si vada da nessuna parte. La seconda questione è il programma. La terza è il tema delle alleanze. Il vincitore, insomma, ha di fronte a se stesso molto lavoro. Noi faremo la nostra parte fino in fondo, al servizio della nostra comunità”. ”Infine – conclude Cozzolino – la più delicata e controversa delle questioni: la sostenibilità giuridica. Per una questione di stile, e non solo per questo, abbiamo più volte detto che spetta a De Luca e al Pd affrontarla”.

 

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

4 COMMENTI

  1. cozzolì, non ti arrampicare sugli specchi. La cosa triste dei politici italiani è che non hanno mai il coraggio delle proprie azioni e non accettano mai le SCONFITTE. Non crescerete mai e non sarete mai uomini LIBERI

  2. Il popolo delle primarie va rispettato! Chi dice di andare via dal Partito . lo faccia se ritiene opportuno la scelta:

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.