Regionali, Caldoro: «De Luca? Se eletto non può governare»

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
11
Stampa
Stefano_Caldoro_newRibadisce, ancora una volta, di essere e rimanere “garantista” e che per questo non entra nel merito delle vicende giudiziarie che hanno interessato De Luca, condannato in primo grado e che per effetto della legge Severino rischia una nuova sospensione. Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, spiega, in un’intervista a emittenti locali, che “allo stato la situazione è evidente: non potrà fare il presidente della Regione”. “Se dovesse vincere, ma non credo che accadrà” si andrebbe incontro al commissariamento.

”A meno che non cambi la legge – aggiunge Caldoro in merito alla posizione di De Luca – non può fare nemmeno il consigliere regionale”. Il presidente della Campania ricorda che, cinque anni fa, dopo le elezioni, De Luca, piuttosto che restare in Consiglio regionale a fare il capo dell’opposizione, ”ma di tornare al Comune di Salerno”.

”Ma è una questione che è stata avanzata spesso anche all’interno del suo stesso partito – afferma – dove gli hanno rimproverato questo punto. Non ha avuto la voglia di stare qui e di lavorare, ci abbiamo pensato noi meglio così, abbiamo lavorato e risolto tanti problemi”. In cinque anni ”abbiamo cacciato un passato che De Luca e il Pd hanno rappresentato purtroppo negativamente e sono stati lì dieci anni, sono i protagonisti degli anni bui, sono ancora in campo”.

”Un passato che si ripresenta con le vecchie facce – dice – in difesa di ciò che loro hanno fatto e che noi riteniamo sbagliato”. A cominciare dalla questione ambientale e dalle ecoballe: ”Loro ce le hanno messe, noi ne abbiamo già tolte 200 mila tonnellate e dobbiamo continuare a farlo”.

Alle spalle, come afferma il governatore, ”ci sono gli anni dei rifiuti, dove c’erano quei protagonisti”. E Vincenzo De Luca, candidato del centrosinistra, dopo la vittoria delle primarie, ”era uno di questi” anche quando la Campania era ”l’ultima in Italia, per spesa comunitaria”. ”Tutte cose che per fortuna abbiamo fatto dimenticare – conclude – È un passato che si ripresenta con le vecchie facce in difesa di ciò che noi riteniamo sbagliato che loro hanno fatto”.

Allontanare, ”cacciare” un passato che ha portato la Regione Campania ”sugli scogli”, come una nave, che ”abbiamo rimesso in sesto” e ora ”possiamo guardare al futuro”. Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, in un’intervista ad alcune emittenti locali, spiega che oggi la Campania è pronta a ripartire perché ”possiamo guardare al futuro con speranza”. Cinque anni fa, la situazione delle casse regionali era disastrosa: ”C’era il default”. ”Abbiamo preso i documenti della Corte dei Conti – racconta – Anche qui i protagonisti del passato hanno lasciato un bubbone e noi abbiamo rimesso in piedi una nave che era arrivata sugli scogli e abbiamo registrato i migliori risultati nonostante la crisi economica durissima, rispetto alle altre Regioni”.

”Abbiamo giocato il nostro campionato, legato alla crisi economica, però abbiamo scalato la classifica e questi sono i
dati positivi – dice – Ora, però, bisogna anche guardare al futuro”. ”Il presente è fondamentale per costruire la base di quello
che dobbiamo fare in futuro – aggiunge – Ora la Campania si siede alla con le altre Regioni, in alcuni casi in posizione di
vantaggio”. E in Europa ”ci hanno aperto tutte le porte, a differenza del passato quando non ci facevano nemmeno entrare”.

E, per Caldoro, è questa ”credibilità che dà la speranza per quello che c’è da fare per il futuro: far diventare stabilmente
la Campania una Regione competitiva con quelle del Nord”. I presupposti, a suo avviso, ci sono tutti e in alcuni
settori – dice – ”abbiamo raggiunto livello massimo”. A cominciare dalla spesa comunitaria dove, nel 2014, la Campania,
ripete, ”è la Regione che ha spesso più fondi, non solo in Italia, ma anche in Europa dove non c’è nessuno che è riuscito a
ottenere gli stessi risultati nostri”.

”Sul resto abbiamo dovuto risanare, coprire buchi e ricostruire le fondamenta di un palazzo per il quale oggi dobbiamo fare un gran lavoro di rilancio, dobbiamo riarredare – continua – A partire dai grandi temi, che sia accessibile a tutti, trasparente e cambiare la vecchia mentalità di fare tutto nelle stanze chiuse che hanno portato sulla macerie della nostra regione”.

”Siamo nella condizione di guardare al futuro – conclude – Penso che la grande scommessa sia pensare a domani non parlare
soltanto non è poco di quello che mi ha fatto in questi anni”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

11 COMMENTI

  1. “Ribadisce, ancora una volta, di essere e rimanere “garantista” e che per questo non entra nel merito delle vicende giudiziarie che hanno interessato De Luca, ”
    Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, spiega, in un’intervista a emittenti locali, che “allo stato la situazione è evidente: non potrà fare il presidente della Regione”. “Se dovesse vincere, ma non credo che accadrà” si andrebbe incontro al commissariamento.”
    Alla faccia della sincerita’!

  2. “Ribadisce, ancora una volta, di essere e rimanere garantista e che per questo non entra nel merito delle vicende giudiziarie che hanno interessato De Luca, ”
    Pertanto
    Stefano Caldoro, presidente della Regione Campania, spiega, in un’intervista a emittenti locali, che “allo stato la situazione è evidente: non potrà fare il presidente della Regione”. “Se dovesse vincere, ma non credo che accadrà” si andrebbe incontro al commissariamento.”
    Alla faccia della sincerita’!

  3. Se il popolo e sovrano ,e noi votiamo De Luca ,Deve governare De Luca , a noi della legge Severino non c’è ne frega

  4. Il finto buonista e garantista ha parlato!!!…….hai la faccia gialla peggio di un cinese e se la tua campagna elettorale si basa solo sul fatto che De Luca deve o non deve governare hai perso in partenza….non ti dimenticare della candidata M5stelle e degli altri…stavolta caro ragioniere non arrivi nemmeno terzultimo…..dice bene l’amico usb79 il popolo è sovrano e non c’è legge Severino che tenga…..questa legge va bene per i papponi della politica e per i magnafranco amministratori,anzi estendetela anche ai preti mariuoli come il monsignore con attico vista Duomo….De Luca non ha ucciso nessuno e non si è magnato niente!!!!

  5. Dovrebbe essere così come dice usb79, se un popolo ha le palle.
    Purtroppo in Italia non sono più in grado di fare leggi tantomeno di farle rispettare.
    Ci hanno chiesto il voto, lo abbiamo dato, mo’ nun ce vann’ ascì.

    Finale: sa’dda caccià a curreia

  6. IL POPOLO INDUBBIAMENTE E’ SOVRANO PERO’ NON CREDO CHE IN NOME DELLA “PRETESA” SOVRANITA’ SI POSSANO AGGIRARE LE LEGGI! LA LEGGE SEVERINO FINO A CHE RIMARRA’ TALE DEVE ESSERE RIGOROSAMENTE APPLICATA. BASTA CON LE LEGGI AD PERSONAM DI BERLUSCONIANA MEMORIA. ORA E FINO A CHE LA SEVERINO RIMARRA’ COSI’ VA APPLICATA ANCHE PER DE LUCA E IL PD NON DEVE CANDIDARLO CORRENDO IL PERICOLO DI ESSERE TACCIATO DI DOPPIOPESISMO INDIFENDIBILE. RENZI STESSO STA LONTANO DAL PROBLEMA PER COERENZA…….NON E’ POSSIBILE ALTRIMENTI NON ANDREMO A VOTARE.

  7. La statisitca di oggi : Campania ultima regione d’italia sui servizi sanitari erogati ai propri cittadini ; questi sono fatti non parole!

  8. MI CORRE SPONTANEA UNA DOMANDA: ” E SE I VOTI DEL POPOLO LI AVESSE PRESI TOTO’ REINA IN NOME DEL POPOLO E FRECANDOCENE DELLA LEGGE SEVERINO VOTARE REINA SAREBBE STATO GIUSTO? ” QUESTO ESEMPIO POSTATO CHIARAMENTE ELEVATO AL PARODOSSO DIMOSTRA CHE LE LEGGI VANNO APPLICATE PER TUTTI AMICI E NON. PUNTO E BASTA. CHE POI LA SEVERINO POSSA ESSERE GIUSTA O MENO NON TOCCA A NOI STABILIRE E LA DEVE MODIFICARE CHI LAUTAMENTE SIEDE NEI BANCHI DELLE CAMERE SENZA CREARE SOSPETTI DI LEGGI AD PERSONAM.

  9. CHE NON TE NE FREGA NIENTE DELLA LEGGE…DIMOSTRA LA MISURA DEL TUO SENSO CIVICO…….

  10. Paragonare Reina a De Luca mi sembra una ciucceria infantile.
    De Luca è stato condannato (in appello) per un difetto amministrativo non per peculato come Berlusconi o per omicidio come Reina.
    Se il popolo vuole essere governato da Reina siamo d’accordo con il popolo.

    Voteremo alle regionali per De Luca e alle prossime comunali chi per esso se non ci sarà lui.

    Mi sembra di stare in Venezuela: La sinistra ha vinto 9 elezioni su 10 negli ultimi 20 anni (in Venezuela si svolgono le elezioni più trasparenti del mondo) ed ancora qualcuno non si fa capace.

  11. … parlare di senso Civico mi sembra azzardato da un esponente che se non sbaglio tiene per Caldoro eletto con il sostegno massiccio dei Cosentino…. forse non si vuole ricordare questo particolare???????

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.