Dietro il successo di De Luca la mano di D’Alema, l’indiscrezione di Dagospia

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
6
Stampa

d'alema_de_lucaSul tracollo renziano in Campania si staglia l’ombra del baffo di Massimo D’Alema.  Dietro il successo di De Luca, infatti, c’è anche lo zampino del suo luogotenente campano Massimo Paolucci, europarlamentare Pd che ha “lasciato il partito” in disaccordo con la gestione della vicenda da parte della segreteria nazionale. Lo scrive il sito web dagospia.com.

Benvenuti al Sud de-renzizzato. La Campania va al voto e lo sfidante di Stefano Caldoro, unico governatore forzista rimasto in Italia, sarà Vincenzo De Luca. L’ex sindaco di Salerno ha sconfitto alle primarie Andrea Cozzolino. 

Né De Luca né Cozzolino sono renziani: mentre il delfino di Antonio Bassolino aveva sostenuto Gianni Cuperlo, l’ex sindaco di Salerno aveva in realtà votato e fatto votare per Matteo Renzi, per poi trionfare alle primarie senza il minimo sostegno da parte della leadership nazionale del Pd, che anzi ha fatto di tutto per ostacolarlo.

In Campania, quindi, Matteo Renzi semplicemente non esiste. Ha provato a lanciare in pista un “suo” candidato, Gennaro Migliore, ex deputato di Sel. Migliore ha fiutato l’aria di tracollo e si è ritirato due giorni prima del voto. Nessuno, ma proprio nessuno, l’avrebbe votato perché nessuno, in Campania, considera Matteo Renzi il proprio leader.

O meglio: quasi tutti i capibastone si definiscono renziani, ma agiscono autonomamente, senza tenere minimamente in conto le indicazioni del Nazareno. Basti pensare alla tragicommedia che ha visto come protagonista Lorenzo Guerini, braccio destro di Matteuccio, incaricato di seguire la vicenda-Campania e di trovare il modo di evitare le primarie (obiettivo fallito) e la vittoria di De Luca (idem).

Guerini, per mesi è stato frullato a dovere dai capi delle 11 (undici) sottocorrenti in cui è diviso il Pd campano: bassoliniani, pittelliani, dalemiani, dalemiani “eretici”, giovani turchi, renziani della prima ora, renziani dell’ultima ora, ex popolari per Renzi, ex popolari per Cozzolino, deluchiani, caldoriani (già, ci sono tantissimi piddini che preferirebbero la vittoria di Caldoro e lo dicono pure). Ha partecipato a direzioni regionali estenuanti, ha riunito a Roma molte volte i capicorrente campani tentando di trovare un nome, un candidato, che andasse bene ai 2/3 del partito regionale e consentisse di evitare primarie e vittoria di De Luca. Nulla di nulla.

D’Alema, la scorsa settimana, due giorni prima delle primarie, è stato a Napoli: ha partecipato a un incontro pubblico nel corso del quale ha randellato Matteo Renzi manco fosse un esponente dell’opposizione. Se Vincenzo De Luca diventerà governatore della Campania, l’opposizione interna a Renzi e al giglio magico avrà messo a segno un colpaccio.

Ecco perché, come sussurrano tantissimi renziani a Roma, in fondo Matteo si augura la vittoria di Stefano Caldoro. Meglio un socialista-forzista che un potenziale avversario interno. Così ragiona oggi Matteo Renzi. Anzi, come dicono i piddini a Napoli, “questo Renzi”.

Fonte Dagospia.com

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

6 COMMENTI

  1. l’hanno messo come jolly……il jollyno…….ci manca solo un balcone…cosi’ possono fa gli inciuci…….sta gente i niente……si vanno a quel posto l’uno coll’altro……..ma che uomini siete…….la feccia…..,la lota

  2. Ma hanno già fatto le regionali, no ha vinto solo una tappa interna, ma non la corsa, anche se la vince non si siede.

  3. D’Alema chi? il burattinaio d’Italia? il patron di Monte Paschi e della sua deriva.
    Una bella associazione a……..

  4. spero che non sia vero senno’ chi ti vota d’alema e un ignorante e finto comunista acora non si ritira

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.