Sempre più donne Architetto a Salerno ed in Italia, tutti i dati

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
0
Stampa
architetti_salerno_centro_storico_3“Siamo convinti del valore di questa iniziativa del  Consiglio Nazionale – ha dichiarato il Presidente dell’Ordine degli Architetti di Salerno Maria Gabriella Alfano – Non molti anni fa il  nostro Ordine fu sotto la lente del Cresme che toccò anche il tema delle pari opportunità . Ebbene dall’indagine emergeva  l’aumento delle  donne architetto (oggi nel nostro Ordine rappresentano quasi la metà degli iscritti) ma anche la differenza di reddito rispetto   ai colleghi maschi che in alcuni casi si attestava sul 75% in più da parte di questi ultimi. Aggiungiamo che oltre il 53% delle intervistate dichiarava di essere stata costretta ad  interrompere l’attività professionale per prendersi cura dei figli o degli anziani.

Prendere coscienza di questo e di altri problemi legati alla condizione professionale delle iscritte all’Ordine, rappresenta il primo passo per  individuare azioni capaci di garantire pari opportunità alle donne architetto e, più in generale, per contrastare ogni discriminazione basata su età, genere, orientamento sessuale, razza, etnia, religione e condizione sociale”. Ecco i dati diffusi nel corso di “Aequale, la professione al femminile”, un incontro–dibattito che si è tenuto presso la sede del Consiglio Nazionale Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori di Roma, e che i professionisti salernitani hanno seguito in diretta streaming, a partire dalle 9:30, dalla sede dell’Ordine di Salerno, in via Vicinanza 11: il 41% degli architetti italiani sono donne; il 59% sono uomini; fino a 40 anni c’è una tendenza opposta, che si ribalta dopo i 40 e soprattutto dopo i 65. Le donne si occupano di Paesaggistica e Conservazione, gli uomini di Architettura e Pianificazione. Dal 2008 al 2013 la differenza tra iscritti uomini e donne diminuisce sempre. La professione si sta femminilizzando sempre di più.

Il Progetto Aequale rappresenta il primo strumento ordinistico nazionale per la sensibilizzazione ai contenuti sulle Pari Opportunità. Aequale è anche un canale di trasmissione “orizzontale” per veicolare le attività promosse dagli Ordini provinciali, dalle Istituzioni governative e di categoria, dagli iscritti fino al mondo della cultura e dell’informazione. L’obiettivo è innalzare il livello di consapevolezza su tematiche ritenute, da questo Consiglio Nazionale, di interesse per i professionisti e, allo stesso tempo, di divulgare informazioni dettagliate sull’attuale normativa e sulle tematiche del lavoro utili per il superamento di ostacoli che rendono difficoltoso lo svolgimento della professione per alcune categorie di iscritti, a partire dai giovani e dalle professioniste.

Il dibattito è stato moderato dalla giornalista del Gr3 Diana Alessandrini e introdotto dal presidente del Consiglio nazionale Leopoldo Freyrie e da una relazione della consigliera nazionale Lisa Borinato. A seguire, l’intervento di Lia Polizzotti, storica del cinema e  socia fondatrice di Art Doc Festival, che introdurrà il video racconto “Libere di progettare: racconti di architettura al femminile”.

Di seguito un talk su quattro argomenti:  “Crediti di Garanzia: quali opportunità per i liberi professionisti” (Monica Parrella – Consigliera Dipartimento Pari Opportunità PCM); “Politiche europee per l’imprenditoria femminile (Francesca Billi – Project manager Euradia Italia); “Il coworking con spazio baby: nuove possibili soluzioni al problema della Conciliazione” (Serena Baldari– Comunicazione e Relazioni esterne L’Alveare); “Il volto femminile del Padiglione Italia ad Expo 2015” (Susanna Tradati – Partner associato di Nemesi & Partners). Nella sessione pomeridiana, dopo gli interventi di Antonio Mura del Cresme, su “Gender Pay Gap – una realtà da affrontare” e dell’architetto Enrica Caire dell’Ufficio di Presidenza della Conferenza degli Ordini, saranno presentati i progetti delle commissioni Pari Opportunità degli Ordini e delle associazioni.

Infine, è stato proiettato il documentario “From a pratical point of view”, l’appassionante storia della prima donna architetto olandese e di come, attraverso l’architettura, abbia cercato di cambiare il ruolo della donna nella società. Regia di Wilma Kuijvenhoven e Magda Augusteijn, Olanda, 2013, durata 50’. E’ intervenuta Benedetta Nervi – storica dell’arte – socia fondatrice di Art Doc Festival.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.