Modella “suora sexy” su cartellone Napoli scatena grosse polemiche

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
pubblicità_suora
Foto Napoli.Repubblica.it

Sta scatenando un polverone il mega cartellone pubblicitario installato a Napoli in cui viene ritratta una modella, vestita da sexy suora per sponsorizzare una nota casa di abbigliamento femminile. Le polemiche hanno ben presto acceso dibattiti su social e tra semplici passanti che lamentano l’inopportuna presenza del cartellone 6 metri per nove, in previsione anche dell’imminente visita nella città partenopea di Papa Francesco.

Nella foto apparsa su uno stabile di Via Marina, la modella ha il capo e le spalle coperte dal classico velo in bianco e nero mentre il seno nudo coperto dalle mani giunte in preghiera che mantengono una collana del tutto simile ad un Rosario. Un jeans infine completa l’abbigliamento.

Rosso di Sera, l’azienda di abbigliamento che ha realizzato la campagna pubblicitaria in cui una modella in atteggiamento sexy è vestita da suora, chiarisce le proprie ragioni in una nota. ”In riferimento alle polemiche delle ultime ore sul nostro manifesto pubblicitario – si legge – intendiamo chiarire che tutto desideriamo fuorché mancare di rispetto alla visita del Santo Padre prevista il prossimo 21 marzo in città, anche perchè lo scatto è stato realizzato diverso tempo fa.

Riconosciamo di aver fatto una scelta di marketing forte ma non c’è nessun intento blasfemo. L’essere dissacranti non vuol dire non avere una sacralità, significa fare delle scelte anche impopolari ma nelle quali crediamo molto. Anche sulla partecipazione di Suor Cristina a ‘The Voice’ vi furono molte polemiche eppure la sua figura ha avvicinato molto i ragazzi alla Chiesa”.

“La modella del nostro manifesto – si spiega – stringe un Rosario e prega, e se é vero che c’è un effetto “vedo non vedo” è vero anche che non si intende in alcun modo banalizzare l’atto della preghiera. Rivendichiamo dunque la nostra scelta e ci dispiace profondamente essere accusati di cose assai lontane dai nostri valori e dalla nostra cultura. Riteniamo altresì che sia giusto attendere il parere dell’ Istituto Autodisciplina Pubblicitaria (AIP), ente titolato a decidere sulla rimozione dei manifesti. Finora non ci é stato notificato nulla”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. e tutti i preti pedofili che hanno fatto vergognare tutto il mondo e che la chiesa difende ancora oggi?Questa è la vergogna,quindi non fate polemiche e provvedete a levare la monnezza dei preti pedofili e poi potete polemizzare,vergognatevi

  2. io difendo la nostra cristianità visto che con le altre religioni non si può nemmeno parlarne.

  3. Trovo vecchie e di cattivo gusto certe provocazioni.Ma questi “creativi” non riescono a trovare altri modi per stupirci?..non è moralismo,ma noia.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.