Sarà un Lecce in emergenza formazione ma guai a sottovalutarlo…

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
1
Stampa
Salernitana_Lecce_36Il Lecce è l’unica squadra che è riuscita a portar via l’intera posta in palio dall’Arechi. Nella gara d’andata i salentini, allora guidati da Lerda, passarono in svantaggio dopo pochi minuti: assist al bacio di Nalini e colpo di testa vincente di Calil. L’esterno veronese della Salernitana, parso inarrestabile nel primo quarto d’ora, fu letteralmente azzoppato da Sacilotto, che venne soltanto ammonito. Poco prima della mezzora di gioco l’ex della Virtus Vecomp fu costretto a lasciare il campo: al suo posto entrò Mendicino e la mossa di Menichini non si rivelò azzeccatissima. La Salernitana perse smalto e ad inizio ripresa, quando Lerda inserì Della Rocca, un attaccante, per Donida, un difensore arretrando Mannini e passando al 4-2-4, i granata si fecero trovare impreparati.

I salentini, presi per mano da Moscardelli, pareggiarono i conti con Carrozza (su rigore) e poi superarono i padroni di casa grazie alle reti di Sacilotto e di Doumbia, che fissò il punteggio sul definitivo 1-3, che suscitò i primi mugugni dei tifosi e più di una critica all’indirizzo di Menichini. Rispetto ad allora in casa del Lecce sono cambiate parecchie cose. In panchina oggi siede Bollini, ex allenatore della Primavera della Lazio (che a gennaio era stato accostato anche alla Salernitana), liberato non senza resistenza da Lotito. I salentini hanno ceduto calciatori importanti (come gli stessi Della Rocca e Carrozza) ed hanno deciso di puntare sui giovani e sul 4-3-3, a gennaio sono arrivati tra gli altri Gustavo, Herrera, Embalo e Di Chiara.

Anche Miccoli, leccese doc, ha rischiato di essere travolto dalla rivoluzione di gennaio: il Romario del Salento è stato ad un passo dall’Honved, ma poi di comune accordo con la famiglia Tesoro ha deciso di rimanere in giallorosso e, dopo un periodo non facilissimo, domani potrebbe ritrovare la maglia da titolare. Considerata l’assenza di Moscardelli (squalificato al pari di Lopez), oltre a quelle dei centrocampisti Bogliacino, Sacilotto e Papini, Bollini potrebbe puntare su di lui come falso nueve (in alternativa è pronto Gustavo). I giallorossi giocheranno col 4-3-3: in porta l’altro ex Caglioni; in difesa Mannini, Diniz, uno tra Vinetot ed Abbruzzese e Di Chiara; in mediana Lepore ed Herrera ai lati di Salvi (all’occorrenza sono pronti pure i giovani Beduschi e Manconi); in avanti Doumbia è certo del posto, al centro uno tra Miccoli e Gustavo, che è in ballottaggio anche con Embalo per il ruolo di esterno di destra.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

1 COMMENTO

  1. C’è’ fiducia,prevale ottimismo anche se la partita è’ veramente difficile.Speriamo.Ciao a tutti è sempre forza Salernitana.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.