Sanità, Cirielli: “Bene riapertura Scafati, no ad esclusione di Agropoli”

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail
3
Stampa
Edmondo_Cirielli“Esprimo la mia soddisfazione per la decisione della Regione Campania, grazie anche alla battaglia del consigliere Alberico Gambino, di cancellare la scellerata scelta di Bassolino che, con un colpo di coda del Pd napoletano, con l’allora decreto 49, votato anche dai consiglieri regionali salernitani del Partito democratico, stabilì la chiusura di Scafati, Pagani, Oliveto Citra, Cava de’Tirreni, Roccadaspide ed Agropoli”. È quanto dichiara Edmondo Cirielli, deputato salernitano di Fratelli d’Italia-Alleanza Nazionale.

“Esprimo, tuttavia, il mio vivo disappunto – aggiunge – per l’ospedale di Agropoli, che resta ancora fuori dalla rete dell’emergenza. Comprendiamo la colpa burocratica, vista la sconfitta davanti alla giustizia amministrativa, del sindaco che, peraltro, nulla disse quando il suo Partito con il decreto 49, sancì la chiusura del Pronto soccorso del nosocomio”. “La Regione, però, deve andare oltre la burocrazia – conclude Cirielli – Rivolgo, pertanto, un appello soprattutto a Forza Italia che esprime il presidente della Regione, nonché il candidato della coalizione. È necessario superare il problema, magari stanziando in via provvisoria i fondi per aprire il Pronto soccorso, momentaneamente almeno per la stagione estiva. Ci aspettiamo, ad ogni modo, che la riapertura definitiva sia inserita a pieno titolo nel piano ospedaliero”.

Facebook   Twitter   Whatsapp   Google plus   Condividi via Mail

3 COMMENTI

  1. Al di là delle evidenti colpe della precedente giunta regionale Bassolino che tanti disastri economici ha compiuto resta il fatto che poi Caldoro e sodali hanno convenuto il decreto regionale di chiusura dell’ospedale di Agropoli,che è stato firmato dal dirigente provinciale ASL Salerno Dott.Squillante,forse l’on.Cirielli non lo conosce? Voi politici di qualunque colore, siete tutti uguali,solo chiacchiere a vuoto…………………credendo che i cittadini non ricordino!

  2. VENGHINO SIGNORI VENGHINO!!!!!! Qui in regione si organizza il gioco delle tre carte, questa vince e questa perde o meglio ospedale si ospedale no o meglio ancora malato x vince malato y perde. Dopo che per 5 anni ha provveduto solo a chiudere ospedali e strutture e a farci pagare medicine, analisi e indagini di laboratorio oltre che salassarci con ticket piu’ alti d’Italia da pagare per elemosinare visite in strutture fatiscenti con liste d’attesa semestrali nella migliore delle ipotesi. VERGOGNATI SPERO SOLO CHE CI SIA UN MAGISTRATO CHE TI INDAGHI A CUI DOVRAI SPIEGARE PERCHE’ IN QUESTI 5 ANNI HAI CHIUSO TANTI OSPEDALI PROCURANDO DI SICURO PURE QUALCHE MORTO ,ED ADESSO SOTTO CAMPAGNA ELETTORALE QUESTI OSPEDALI VENGONO RIAPERTI. SEI UNA MERDA D’UOMO D’ALTRONDE ESSENDO STATO SCELTO DA BERLUSCONI ANTRO NON POTEVI ESSERE.

Commenta

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – salernonotizie@gmail.com Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.