Giornale svedese titola la venuta a Napoli del Pontefice così: “Papa visita il paese della mafia”

Stampa

giornale_svedeseUn giornale svedese titola la venuta a Napoli del Pontefice in questo modo: “Papa visita il paese della mafia”. Borrelli e Simioli: “offesi a livello internazionale milioni di napoletani e fedeli”. Il Goteborgs-Posten un importante giornale svedese ha titolato con enfasi sulla venuta del Santo Padre a Napoli: “Papa visita il paese della mafia” scrivendo un articolo durissimo e diffamatorio verso i napoletani: “Troviamo ignobile scrivere un articolo di luoghi comuni sulla nostra città – denunciano Gianni Simioli della radiazza e Francesco Emilio Borrelli dei Verdi – offendendo milioni di napoletani e fedeli. Addirittura nel pezzo si parla della presenza del Pontefice a Scampia definita roccaforte della criminalità. Crediamo che il comune di Napoli ma anche il Governo debbano pretendere le scuse da parte di questa importante testata svedese che ha diffamato, calunniato e denigrato senza ragione la nostra terra e lo stesso Papa”.

LINK: http://www.gp.se/nyheter/varlden/1.2663455-paven-pa-besok-i-maffialand

13 Commenti

Clicca qui per commentare

  • Bisogna finirla con tutti questi luoghi comuni. Napoli è la città della camorra, non della mafia.

  • ma anche della camorra,della monnezza,degli zingari,di tutte le razze che cercano di rapinarti e in ultimo,della squadra piu’ chiavaca dell’italia e li ho trattati

  • ma siete una banda di celebrolesi. ma è mai possibile che non avete niente di meglio da fare, allora fanno bene che al nord ci schifano!

  • NAPOLI è LA VERGOGNA DELL’INTERA NAZIONE!
    MI VERGOGNO SE MI PARAGONANO AL NAPOLETANO PER COLPA DEL DIALETTO CAMPANO!
    SALERNITANO FIERO!

  • CAFONE SALERNITANO OLTRE IL GARIGLIANO TI SPACCI PER napoletano!!!!!!!!

  • mai spacciato per napoletano. Sarebbe come autoffendersi. Il mondo odia napoli. Perchè dovremmo dirci napoletani noi che siamo stati capitale sotto longobardi e normanni, capitale della medicina, sede del Papato e capitale d’Italia. Perchè noi per primi in Italia per raccolta differenziata, tra i primi per numero di asili nido, per energie rinnovabili etc dovremmo audofenirci ladri cafoni e zingari? Semmai sarebbe più saggio il contrario

  • I napoletani buoni ormai sono tutti morti, restano solo i cafoni, i delinquenti, gli ignoranti, i cachielli e i vigliacchi che fanno finta di niente.

    Quando vado al Nord o all’estero specifico SEMPRE di non essere napoletano ma Salernitano, e sempre più persone per fortuna si accorgono della differenza.

  • ma perche parlate sempre di napoli………se a napoli nn sanno nemmeno che esiste salerno???ed e’ vero che vi spacciate per napoletani . al nord e all estero dici che sei di napoli… poi ti vesti e vuoi fare il baffetto da napolillo

  • voi con questa rivalità siete la vergogna dell’italia intera non Napoli.
    Sono di Salerno ma conoscono tante brave persone napoletane e non è giusto fare di tutta un erba un fascio anche a Salerno ci sono i cafoni che fanno distinzione addirittura tra quartieri della stessa città.
    Basta dovete finirla con queste cavolate

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente. I commenti di questo blog non sono moderati nella fase di inserimento, ma Salernonotizie si riserva la facoltà di cancellare immediatamente contenuti illegali, offensivi, pornografici, osceni, diffamatori o discriminanti. Per la rimozione immediata di commenti non adeguati contattare la redazione 360935513 – [email protected] Salernonotizie.it non e’ in alcun modo responsabile del contenuto dei commenti inseriti dagli utenti del blog: questi ultimi, pertanto, se ne assumono la totale responsabilità. Salernonotizie.it si riserva la possibilità di rilevare e conservare i dati identificativi, la data, l’ora e indirizzo IP del computer da cui vengono inseriti i commenti al fine di consegnarli, dietro richiesta, alle autorità competenti. Salernonotizie.it non è responsabile del contenuto dei commenti agli articoli inseriti dagli utenti. Gli utenti inviando il loro commento accettano in pieno tutte le note di questo documento e dichiarano altresì di aver preso visione e accettato le Policy sulla Privacy.